mercoledì 13 maggio 2015

Spaghetti con Sugo di Pomodoro, Aglio, Olive e Rosmarino - La pomarola della Nonna


Pasta al pomodoro. Difficile non amarla.
Salgo le scale (lei stava al 5 piano, senza ascensore!) e sento il profumo che, come una scia trasparente, esce dalla porta socchiusa.
La nonna ha fatto la pomarola fatta in casa! Con gli odori (sedano, cipolla e carota) e profumato a cottura ultimata, con un ciuffo di basilico fresco.
Comprava i pomodori belli rossi e maturi, al mercato coperto di San Lorenzo a Firenze e poi prendeva l'autobus (per lei è sempre rimasto "il tram") e poi piano piano, saliva le scale fino al quinto piano, con il suo prezioso bottino.
Lei ci metteva una montagna di sugo e, di nascosto, una noce di burro, per rendere la pasta più cremosa e densa.
Difficile non amarla....






Un grazie a Paola per averci sfidato a fare uno dei piatti che preferisco: la pasta al pomodoro!





Spaghetti con Sugo di Pomodoro, Aglio, Olive e Rosmarino
Ingredienti per 4 persone
6 pomodori San Marzano, ben maturi
1 spicchio di aglio
4 rametti di rosmarino
Olio extravergine di oliva
10 olive nere in salmoia (io ho usato le mie sott'olio)
400 g di spaghetti di semola di grano duro
rosmarino tritato


Portate a bollore una pentola con acqua dove cuocerete la pasta e salatela.
Pelate i pomodori con un pelapatate, e tagliateli a fettine.


Lasciate le fette sul tagliere circa 10 minut,i in modo che l'acqua di vegetazione fuoriesca dalle fette.


Buttate l'acqua e tagliate a pezzetti i pomodori


In una casseruola, scaldate un filo d'olio con l'aglio schiacciato in camicia e lasciate soffriggere per circa 1 minuto. Buttate via l'aglio e aggiungete il rosmarino tritato.
Aggiungete il pomodoro e fate cuocere a fuoco medio alto per 5 minuti con il coperchio.
Togliete il coperchio e cuocete ancora 5 minuti a fuoco basso, mescolando ogni tanto.
Aggiuntete le olive nere e un pizzico di sale e mescolate. Spegnete il fuoco.
Cuocete la pasta al dente e scolatela. Versatela direttamente nella casseruola (o trasferite il sugo in una padella capace di contenere la pasta) e saltatela con il sugo.
Servite gli spaghetti belli caldi, eventualmente aggiungendo un altro pò di rosmarino tritato




Con questa ricetta partecipo al MTChallenge n° 48 con la ricetta di Paola di Fairies' Kitchen







15 commenti:

  1. raramente aggiungo aglio nelle ricette, non lo compro mai...
    però l'idea del rosmarino al posto del basilico, è sfiziosissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanti anni fa ho mangiato un sugo fatto solo di pomodoro e rosmarino e ho cercato di replicarlo, aggiungendo altri ingredienti che mi piacciono. Il risultato è stato molto apprezzato :)))

      Elimina
  2. Ma sta cosa del rosmarino la devo provare e con aglio e olive nessun problema..... mmmmmmh.... un bel modo per ricordare la tua nonna.... baci Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è ancora tanto presente nel mio cuore e mi fa bene cucinare e pensare a lei!
      :))

      Elimina
  3. Una bellissima foto da copertina che invita a leggere tutto d'un fiato. Io non amo il rosmarino con i pomodori ma forse dovrei ricredermi dopo la tua ricetta.
    Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina! :) A me piace tanto e lo metto spesso, Mi ricorda molto l'estate, i grilli, le cicale e l'erba bruciata da sole

      Elimina
  4. Che bellissimo abbinamento, con il rosmarino.. Quella foto fa venir voglia di dare una forchettata allo schermo! :D
    Gnam!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dò pienamente ragione! ;) buona, gustosa e velocissima!

      Elimina
  5. Tu non ci crederai ma quando ho visto la foto, ho sentito il profumo.
    Lo giuro!
    Molto molto invitanti, davvero...
    Lidia

    RispondiElimina
  6. Che bel ricordo... e che bello il tuo piatto, bello e profumato!

    RispondiElimina
  7. Quasi mi pare di vederla, la tua nonna, che sale le scale con il suo bottino di pomodori, profumati e rossi. Mi sembra di vederla che mette su il soffritto e prepara il sugo. Di quelli buoni da intingervi il pane. Come buono da intingervi il pane è questo tuo sugo, semplice nella realizzazione e nella scelta dei sapori, ma con quella nota di rosmarino che la rende rustica e Toscana al 1000 per 1000 :) Grazie per la tua ricetta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola, per avermi spronato a preparare una ricetta semplice, ma piena di ricordi bellissimi. Senza il rosmarino, o ramerino come si dice in Toscana, molti dei miei piatti sono privi di sentimenti ;)

      Elimina
  8. qualche tempo fa, c'è stata una polemica sul pesto, perchè oldani aveva rivelato di usare il burro, nella sua ricetta. di fronte a tutti quelli che gridavano allo scandalo, io e tutti quelli che hanno avuto nonne dell'età della mia non ci siamo minimamente stupiti, anzi:semmai ci ha scaldato il cuore, ricordare quella noce di burro messa nel "grilletto" per ammorbidire una salsa che tanto morbida non era. L'associazione è stata immediata, quando ho letto che anche la tua nonna ricorreva allo stesso trucco-e non vado oltre, per la strada dei ricordi, perchè in questi mesi sono sul crinale della nostalgia. Però questo è un sugo che trasuda "homesickness", da qualsiasi parte lo si guardi.Per combinazione, nel linguaggio dei fiori, il rosmarino è la pianta del ricordo, come la definisce Ofelia, nell'Amleto, Il cerchio si chiude, quindi, in un piatto che ha davvero la perfezione della semplicità-la più difficile daraggiungere. Come sempre,bravissima!

    RispondiElimina