lunedì 16 marzo 2015

Tortino di Grano Saraceno con Bis di Patate, Zucca Delica, Asiago e Mostarda di Pere Piccante


Flavia eccolo qua!
Spero non l'ultimo, perchè questa sfida ha il sapore dell'infinito!


E quindi, ecco la mia prima proposta. Perchè bis di patate? Semplice, ho usato 2 tipi di patata differenti: quella classica a pasta gialla e la patata dolce a pasta arancione.
La patata dolce viene usata molto negli Stati Uniti, in particolar modo durante le festività del Thanksgiving (Giorno del Ringraziamento, 4 giovedì di Novembre di ogni anno), durante il quale si prepara il tacchino ripieno e tutti i contorni, tra cui le patate dolci caramellate.


Queste patate sono molto versatili e si prestano bene sia per le ricette dolci che le salate, come nel  caso del mio tortino.
Ho aggiunto anche la dolcezza della zucca delica e la dolce sapidità del formaggio Asiago. Per renderla più tendente al sapido, ho aggiunto anche il piccante della mostarda e la sfoglia con il grano saraceno, che dà il buon sapore tipico del cibo rustico e verace!






Tortino di Grano Saraceno con Bis di Patate, Zucca Delica, Asiago e Mostarda di Pere Piccante
Per la pasta brisée (Michel Roux)
150 g di farina 0
100 g di farina di grano saraceno
150 g di burro, tagliato a pezzetti
1 cucchiaino di sale fine
1 uovo
1-2 cucchiai di latte freddo

Per la pasta brisée, ho seguito le indicazioni, suggerimenti e consigli di Flavia e anche di Maria Pia per la cottura in bianco, che ringrazio!

Versate la farina a fontana su un piano di lavoro.
Mettete al centro il burro, il sale, lo zucchero e l'uovo, poi mescolateli e lavorateli con la punta delle dita.
Incorporare piano piano la farina, lavorando delicatamente l'impasto fino a quando assume una consistenza grumosa


Aggiungete il latte e incorporatelo delicatamente con la punta delle dita fino a quando l'impasto comincia a stare insieme.
Spingete lontano da voi l'impasto con il palmo della mano, lavorando di polso, per 4 o 5 volte, finchè è liscio.
Formate una palla, avvolgetela nella pellicola alimentare e mettetela in frigo per mezz'ora.*

*Se non la usate subito, la potete conservare in un contenitore a chiusura ermetica in frigo per una settimana e fino a 3 mesi in freezer.

Togliete l'impasto dal frigo e ponetelo su un piano di lavoro precedentemente infarinato.
Stendete la pasta con il matterello fino ad uno spessore di circa 3 millimetri circa.
Arrotolate la pasta sul matterello e srotolatela direttamente sullo stampo (io ho usato uno stampo di 25 cm di diametro).
Rifilate la pasta in eccesso con un coltello o passando il mattarello sulla tortiera.
Sistemate l'impasto nello stampo premendo leggermente con le dita, cercando di alzare il bordo di un altro paio di millimetri.
Bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta.


Coprite con carta da forno e mettete nel freezer per circa mezz'ora
Riscaldare il forno a 180° C
Togliete dal freezer e versate sopra la carta da forno con dei ceci o fagioli secchi. In questo modo l'impasto non si gonfia e rimane schiacciato.
Cuocere per circa 20 minuti e dopo il tempo necessario per la prima cottura, togliere dal forno ed eliminare il peso (ceci o fagioli) e la carta da forno e proseguire la cottura per altri 15 minuti alla stessa temperatura.


Per la farcia
400 g di polpa di zucca delica
2 patate medie
1 patata dolce
2 uova, separate tuorlo e albume
150 g di asiago mezzano, grattugiato lasciando qualche pezzetto intero
1 pizzico di sale grigio
1 cucchiaino scarso di mostrarda di pere piccante
Olio extr vergine d'oliva

Mondate la zucca della scorza e dei filamenti e tagliatela a tocchetti.
Scaldate una padella con un filo d'olio e versare la zucca e soffriggere piano piano fino a quando è tenera.
Lessare le patate in acqua bollente e cuocere fino a quando sono tenere. Punzecchiate con un coltello e se passa attraverso la patate con facilità, allora è cotta, altrimenti proseguite la cottura ancora per qualche minuto
Scolate e immergete le patate in una ciotola con acqua fredda in modo da poterle sbucciare velocemente
Passate le patate e la zucca con un passaverdure , in modo da ottenere un composto morbido.
Aggiungete il sale, un paio di cucchiai di olio, la mostarda e poi i tuorli. Amalgamate il tutto.
Montate gli albumi a neve e incorporate delicatamente nel composto con la zucca.

Assemblaggio e cottura
Versate il composto nel guscio della crostata e livellarlo.
Cuocete il tortino nel forno a 180° C per circa 45 minuti ed estraetelo quando la superficie è bella dorata
Se volete una superficie più croccante, come ho fatto per il mio, passate il tortino per 5 minuti sotto al grill ben caldo


Ovviamente si possono cambiare i formaggi e il tipo di zucca. Si può anche aggiungere una spolverata di Parmigiano-Reggiano o Pecorino stagionato.

Il Sommelier consiglia Bardolino Chiaretto


Con questa ricetta partecipo al MTChallenge n° 46 con la ricetta di Flavia di CuociCuciDici, vincitrice della sfida n° 45 con i suoi bellissimi baci!













16 commenti:

  1. Adoro il contrasto tra dolce e salato, per cui non posso non amare questa tua proposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariella! Il contrasto dolce-salato è una delle mie passioni. Mescolare zucchero e sale mi piace e spesso da degli ottimi risultati :)

      Elimina
  2. Hai saputo creare dei contrasti non solo nei sapori, tra il dolce e il salato, non solo nelle consistenze, tra il morbido e il croccante...ma anche nei colori.... Isabel c'è tanto di te in questa torta salata ... c'è una cucina fusion grandiosa.. l'America e le sue tradizioni, ma anche quel tocco di Italia del Nord cn la mostarda .... mmmmmmmmh..... questa mi piace proprio per il prossimo Thanksgiving...si si!!! Un abbraccio Flavia..e inondatemi di torte salate..che mi ispirate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Flaviaaaaa!! Sto pensando alla prossima mumble...mumble....sto sperimentando che è una gioia, anche se stasera ho dovuto fare una banale tegamata di salsiccia con fagioli all'uccelletto...uhhhh, ne posso fare un tortino!!!! :)))))

      Elimina
  3. Spettacolare,semplicemente spettacolare la tua torta salata!!! Fantastica la brisée di grano saraceno, meraviglioso il contrasto dolce-piccante del ripieno, per un risultato davvero notevole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mapi! Grazie davvero. Ogni tanto, durante la preparazione, mi chiedevo se potevo aggiungere qualche ingrediente per rendere questo tortino speciale e devo dire che ci sarei riuscita...

      Elimina
  4. Sei malefica, mi hai fatto tornare fame.. Questa torta è bellissima, con la sfoglia scura e i colori del sole al suo interno.. E non una ma ben due tipologie di patate.. E io quella dolce non l'ho mai usata in cucina.... Bisogna recuperare... Soprattutto se si creano delizie del genere!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Devo dire che la patata dolce arancione non la trovo spesso e sono sempre alla ricerca perchè mi piace davvero tanto. Se ti piace il contrasto dolce-salato , questa patata fa per te. Mi piace il paragone al sole :)

      Elimina
  5. Bellissima questa quiche Isabel, veramente spettacolare! Un bascione

    RispondiElimina
  6. ma sai che fatica trovare le patate dolci a pasta arancione?! praticamente non ci sono mai....ufff :-) ti toccherà invitarmi per questo tortino :-P
    bacio grande
    raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Raffaella! Anche io ho difficoltà: cerco nei supermercati e mercatini rionali e sono fortunata perchè qualche volta li trovo, e ne compro alcuni kg, visto che si mantengono bene come le patate normali!
      Allora ti aspetto, eh? :)

      Elimina
  7. La mostarda di pere è sicuramente un tocco in più!
    Che bella idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gaia! Si è stata un'idea dell'ultimo momento e ha davvero dato un tocco in più

      Elimina
  8. "ancora" lo dico io :-)
    sei un'altra dellemie "osservatespeciali", anche se non lo dico mai (ma ora lo sai) e ogni volta assisto con ammirazione a proposte sempre più originali, convincenti, capaci di stupire senza mai cedere di un millimetro sul fronte della credibilità. Conoscenza della materia, competenza tecnica, mente aperta e palato sicuro: stai facendo meraviglie e questa torta lo conferma. Brava, brava, brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alessandra! Per me l'MTC è uno stimolo continuo e sono grata e felice di far parte di questo gruppo
      PS mi devo preoccupare? :)))

      Elimina