mercoledì 11 marzo 2015

Chocolate Orange Babka







Erano mesi che la guardavo avidamente. Vedevo foto meravigliose che a guardarle soltanto, mi veniva l'acquolina in bocca. Inseguivo quell'armonia dell'impasto che si muove fra il cioccolato e la cannella. Non ce la farò mai a farla, è troppo complicato, pensavo.
Poi l'ho fatto ed eccola qui! E' un impasto strano: ci ho messo il lievito ma l'impasto non si è comportato come al solito. Non lievitava, rimaneva lì: da qui tutte le ore di lievitazione.
Ma alla fine, la pazienza è stata premiata:
l'impasto morbido e setoso al tatto



il profumo inebriante durante la cottura: sembrava di entrare in un forno di Parigi di circa 40 anni fa
la bellezza! E' davvero bello e fa la sua bella porca figura!
la croccantezza della crosta data dallo zucchero dello sciroppo e dal cioccolato
dalla morbidezza dell'impasto, dolce quanto basta e profumatissimo

Questo dolce è associato alla tradizione ebraica dell'est europa e si presta bene anche con altri ripieni, in particolare zucchero, cannella e noci o uvetta

Alla fine ci ho messo quasi 24 ore a farlo, anche se in realtà il lavoro lo ha fatto quasi tutto da solo!



Chocolate Babka
Ispirato ad una ricetta tratta dal libro Jerusalem di Y. Ottolenghi e S. Tamimi  
Con questa ricetta si ottengono 2 babke

530 g di farina (per me Farina Uniqua)
100 g di zucchero semolato
1 cucchiaino di lievito di birra disidratato
buccia grattugiata di un'arancia
3 uova grandi
120 ml di acqua
1/2 cucchiaino di sale fine
150 g di burro morbido a temperatura ambiente

Ripieno
130 g di cioccolato fondente 71% cacao del Perù (per me Ottochocolates), tritato
120 g di burro sciolto
50 g di zucchero a velo
30 g di cacao amaro
un pizzico di cannella in polvere
Sciogliere il burro e il cioccolato in microonde alla potenza minima, mescolando ogni 10 secondi.
Quando il cioccolato è sciolto, aggiungere lo zucchero a velo, cannella e il cacao. Mescolare per ottenere un composto spalmabile.

Sciroppo
80 ml di acqua
75 g di zucchero semolato
Versare l'acqua e lo zucchero  in un pentolino. A fuoco basso, mescolare fino a quando tutto lo zucchero è sciolto

Impasto
Versare la farina, lo zucchero, il lievito e la scorza dell'arancia nella ciotola di una planetaria. Mescolare con la frusta a foglia. Aggiungere le uova e poi l'acqua, sempre mescolando per un paio di minuti. Se l'impasto risultasse troppo secco aggiungere un cucchiaio di acqua alla volta (l'umidità dell'impasto dipende molto dalle farine). Aggiungere il sale e poi il burro, un pezzetto alla volta e mescolare fino a quando è ben incorporato.
Cambiare la frusta a foglia con quella a gancio. Sbattere per circa 10 minuti fino a quando l'impasto è liscio e compatto, ma non asciutto.
Togliere dalla ciotola e formare una palla. Mettere in una ciotola unta e coprire con pellicola per alimenti.
Lasciare lievitare per circa 6 ore. L'impasto lieviterà molto lentamente.
Mettere l'impasto su un piano di lavoro, precedentemente infarinato, e dividere in 2 pezzi.
Mentre si stende il primo pezzo, riporre il secondo nella ciotola in frigorifero.
Stendere il primo pezzo in un rettangolo di circa mezzo centimetro di spessore.
Fare attenzione a stendere il lato più corto del rettangolo della stessa misura dello stampo che verrà usato.
Spalmare l'impasto con metà del ripieno fino a 1 cm dai bordi. Inumidire i bordi , spennellando con acqua.

Prendendo la parte più corta, arrotolare fino a fomare un lungo salsicciotto e chiudere i, pizzicando il bordo in tutta la sua lunghezza e ai lati.


Porre il rotolo su una teglia precedentemente rivestita da carta da forno e mettere in freezer per circa 10-15 minuti. Questo servirà per tagliare meglio il rotolo senza far perdere la forma.



Tagliare il verso più lungo del rotolo a metà  e metterle vicine.
Pizzicare gli estremi di una parte soltanto in modo da unirli e poi sollevare una metà e appoggiarla sull'altra metà. Rifare la stessa operazione fino a quando si forma un intreccio. Pizzicare gli altri estremi.



Usare lo stesso procedimento per l'altro pezzo di impasto.

Imburrare 2 stampi da plumcake di 30 x 11 cm, e inserire la trecce. Coprire con pellicola per alimenti e lasciare lievitare tutta la notte nel forno spento.




Scaldare il forno a 190° C 
Togliere la pellicola e infornare le trecce. Cuocere per 30- 40 minuti  (40 minuti con il forno ventilato). Dopo circa 10 minuti, ricoprire le babke con un foglio di alluminio, per evitare che la superficie si bruci.
Prima di togliere dal forno fare la prova dello stecchino con uno spiedino di legno. Questo passaggio è importante perchè l'impasto potrebbe essere cotto in superficie ma non all'interno.
Togliere le babke dal forno e spennellarle immediatamente con lo sciroppo di zucchero fino ad esaurimento.




Lasciare raffreddare le babke negli stampi per circa 15 minuti e poi estrarle (se fossero attaccate allo stampo, inserire un coltello tra lo stampo e la babka per staccarla) e metterle su di una griglia a raffreddare completamente



Si mantengono per qualche giorno a temperatura ambiente.
Si possono anche congelare
Non durerà sicuramente oltre le 24 ore successive

Il Sommelier consiglia Moscato Giallo dei Colli Euganei






Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Cucina Semplicemente in collaborazione con Farina UNIQUA Verde Molino Dallagiovanna





8 commenti:

  1. Non ho mai preparato il babka ma mi ha sempre incuriosito come ricetta perchè molto versatile ^_^
    Il tuo è super invitante !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariagrazia! E' stata la prima volta che mi cimentavo in una simile avventura e devo dire che lo rifarei senz'altro :))

      Elimina
  2. Io le babka, angeliche o trecce russe come le vogliamo chiamare, mi piacciono da morire.... mi piace molto questa tipo plum cake! Un bascione cara!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patty! A me è piaciuta tantissimo e ora mi voglio cimentare anche con le angeliche e le kringles

      Elimina
  3. Isabel cara, é una meraviglia!! Non conoscevo questo dolce, sembra favoloso! Il tuo passo passo é chiarissimo ;) Grazie e un bacione, Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hi Mary! It reminded me of a nice and sweet chocolate roll, american style :))

      Elimina
  4. con queste perfette informazioni non potrà che riuscire bene anche a me che di dolci so veramente poco, grazie !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara! Io non so resistere ai dolci e ne preparo in quantità (ahimé!) industriale
      Veramente buona

      Elimina