martedì 16 dicembre 2014

DOLCI REGALI- perchè non c'è due senza tre



DOLCI REGALI- perchè non c'è due senza tre
E' in imminente uscita il nuovo libro del gruppo MTChallenge!
Questa volta verte sulla gara che ha visto come protagonista il Babà: troverete numerose ricette di babà e altri dolci tradizionali di impasti lievitati e anche di accompagnamenti come creme, sciroppi e bagne.

Troverete la mia ricetta del Coulis di fragole fresche!
Buona lettura



DOLCI REGALI
Collana “I libri dell'MTChallenge”
SAGEP Editori- Genova
Prezzo di copertina: 18,00 euro
Foto Paolo Picciotto
Illustrazioni Mai Esteve
Editor: Fabrizio Fazzari
Impaginazione: Barbara Ottonello


Acquistandouna copia di Dolci Regali, contribuirai alla creazione diborse di studio per i ragazzi di Piazza dei Mestieri (link:http://www.piazzadeimestieri.it/),un progetto rivolto ai giovani oggetto della dispersione scolastica eche si propone di insegnare loro gli antichi mestieri di un tempo, inuno spazio che ricrea l'atmosfera di una vecchia piazza, con lebotteghe di una volta- dal ciabattino, al sarto, al mastro birraio e,ovviamente, anche al cuoco. La Piazza dei Mestieri si ispiradichiaratamente a ricreare il clima delle piazze di una volta, dovepersone, arti e mestieri si incontravano e, con un processo di osmosiculturale, si trasferivano vicendevolmente conoscenze e abilità: lacentralità del progetto è ovviamente rivolta ai ragazzi che trovanoin questa Piazza un punto di aggregazione che fonde i contenutieducativi con uno sguardo positivo e fiducioso nei confronti della realtà, derivato proprio dall’apprendimento al lavoro, dal modo diusare il proprio tempo libero alla valorizzazione dei propri talentianche attraverso l’introduzione all’arte, alla musica e al gusto.

lunedì 15 dicembre 2014

Buon Natale Babbo - Trecce di Zucca con Semini di Papavero, Lino, Sesamo e Girasole


Gira la chiave nella porta, con un pò di fatica.
Riesce ad entrare. Attiva la corrente e accende la luce.
Il pavimento in cotto ha un velo di polvere e il camino è spento, freddo.
Comincia a spazzare, riordinare e sistemare i vestiti. Ripone in frigorifero il latte ed il formaggio.
Va nella legnaia a prendere la legna per il camino e la stufa. Accende entrambi.
Finalmente un pò di calore. I muri di pietra cominciano a scaldarsi.
Va in soffitta e prende l'albero, le decorazioni e le luci. Prende anche il presepe.
Attacca le luci al balcone.
Sa che a valle si vedranno bene e la notte sarà buia.
Si siede sul divano davanti al camino
Si sente solo il crepitìo della legna che brucia. Guarda le fiamme che avvolgono la legna
E' Natale, ma tutto è ancora freddo nel suo cuore. Neanche il calore intenso e rosso delle fiamme riescono a scaldarlo
Eppure da qualche parte ci sarà la luce ed il calore, non è solo buio e freddo.
Piano piano comincia a sentire il profumo del brodo che sobbolle piano piano sulla stufa a legna. Sente la musica di Natale e le persone che parlano e ridono.
Si rompe l'incanto della solitudine buia e fredda.
Una lama di luce taglia la coltre di oscurità e penetra un leggero arcobaleno fatto di ali di farfalla.
Le fiamme, la musica, il profumo del brodo, le risate prendono forma e impersonano lo spirito del Natale
Accenna un sorriso, il cuore riprende a battere normalmente e si alza per aggiungere una altro pezzo di legno nel camino.
Lei sa che lui è lì, si è lì con lei, lo sente, dentro il cuore e nell'aria fredda d'inverno.
Buon Natale Babbo




Queste trecce le ho fatte un giorno freddo e nebbioso di Novembre