venerdì 28 febbraio 2014

Dolcetti con Nocciole e Miele Gluten Free - Hazelnut and Honey Balls



Vi ringrazio per i bellissimi commenti che avete lasciato al mio post di ieri
Ogni volta che parlo di lui, mi sento straziata, stracciata, staccata.
Ma poi la musica finisce e torna la realtà.
Cambio musica e i ricordi fanno spazio a:
campi di grano
alberi con i primi germogli
cieli tersi e azzurri
rumori di un aereo in lontananza
tramonti sul mare

Ogni giorno una nuova vita nasce:
un fiore
un'ape
un gattino
un bambino
e il sole che sorge



Dolcetti con Nocciole e Miele  (english version below)
150 g nocciole tritate finemente
1 cucchiaino latte
1 cucchiaio da minestra miele
pizzico di sale
cacao amaro non zuccherato

Versare tutti gli ingredienti, tranne il cacao,  in una ciotola e amalgamarli bene.
Formare delle piccole palline (dimensioni di una grossa nocciola) e adagiare su un piatto precedentemente foderato con carta da forno.
Lasciare asciugare all'aria per circa 1 ora.
Versare il cacao in un piattino e arrotolarci le palline fino a quando sono ben coperte.
Si mantengono a temperatura ambiente per 1 settimana

Nota: se cucinate per un celiaco usate esclusivamente prodotti con la spiga barrata- gluten free




Con questa ricetta partecipo al 100% Gluten Free (Fri)day











Hazelnut and Honey Balls
3/4 cup finely chopped hazelnuts
1 tsp milk
1 tbsp honey
A pinch of salt
unsweetened cocoa

Mix all ingredients, except cocoa, in a bowl, then shape with hands into small balls (slightly larger than a hazelnut) and place on a dish covered with parchment paper and let air-dry for 1 hour.
Pour a tablespoon of cocoa in a dish and roll the ball until fully coated
Keep a room temperature for one week


mercoledì 26 febbraio 2014

La pietra della Ressurrezione - Pain Ordinaire Careme au Seigle



Colonna sonora di questo viaggio è Celtic Dawn che culmina con il meraviglioso Starhorn's Passage dei  Barleyshakes.
Ascoltando questo disco, mi è venuto in mente il periodo quando io e mio babbo ascoltavamo soltanto musica celtica e tradizionale irlandese.
Chieftains, Clannad,Alan Stivell, Anuna, Oisin, Moving Hearts, Capercaillie, Fairport Convention, Pentangle, Steeleye Span.
Passaggi attraverso Enya, Loreena Mckennit, Celtic Women.
Durante questo viaggio, penso a questo periodo, felice, quando eravamo veramente uniti.
Ecco, io vorrei avere la pietra della ressurrezione, quella di Harry Potter per intederci, per riuscire a rivederlo ancora una volta.
Parlare con lui e ascoltare questo disco insieme.
Ricreare ancora una volta quella bella atmosfera: chiudo gli occhi e siamo in cucina a sentire questa musica speciale.
Richiudo gli occhi e mi vedo passeggiare con lui in un bosco, accanto a un ruscello ad ascolare gli uccelli e il rumore dell'acqua che scorre veloce.


E mi sento edera che si attacca a questo ricordo con forza e tenacia.
Finisce la musica e lentamente mi stacco a forza e malvolentieri dal mio ricordo
L'edera senza il suo appiglio, perde la sua forza e le foglie si piegano e cadono
Si alza il vento e comincia a piovere. L'edera vola fino a quando trova un'altra nota di musica nell'aria.
Si unisce alla nota e le foglie ridiventano verdi e brillanti



E tu, la vorresti la pietra di ressurrezione?





Pain Ordinaire Careme au Seigle
Liberamente tratta dal libro di Bernard Clayton "New complete book of breads"

560 g farina di grano tenero di tipo 0, macinata a pietra a Fosdinovo (MS)
280 g farina di segale
1 cucchiaino zucchero
7 g lievito di birra, secco (nella ricetta originale, 14 g)
500 ml acqual calda
120 ml latte
2 cucchiaini sale

Tempi di lievitazione: 2 ore + 1-1/2 ore + 1 ora= totale 4-1/2 ore

Versare la farina di tipo 0 in una ciotola o planetaria e aggiungere il lievito e mescolare con la frusta.
Aggiungere l'acqua calda fino ad ottenere un impasto piuttosto denso
Sbattere con un cucchiaio di legno o con il gancio a foglia per 1 minuto, poi aggiungere il sale
Cambiare il gancio per gli impasti più sodi e aggiungere la farina di segale, e mescolare fino a quando è ben amalgamato.
Se l'impasto fosse troppo appicciocoso, aggiungere un pò di farina, poco alla volta.
Impastare con le mani per un paio di minuti fino ado ottenere un impasto morbido.
Formare una palla e metterla in una grossa ciotola leggermente unta di olio e coprire con la pellicola trasparente. Lasciare lievitare per circa 2 ore
Trascorse le 2 ore, versare l'impasto su una superficie da lavoro e impstare per circ 3 minuti.
Rimettere l'impasto nella ciotola e ricoprire con la pellicola. Lasciare lievitare per un'altra ora e mezza.
Trascorsa l'ora e mezza, l'impasto sarà ben lievitato.
Versare sul piano di lavoro precedentemente infarinato.
Dividere l'impasto in 3 piccoli filoncini e metterli su una placca da forno precedentemente foderata di carta da forno
Coprire con un panno pulito, preferibilmente di lana in modo tale che l'aria possa circolare intorno ai filoncini e per formare una leggera crosticina
Lasciare lievitare a temperatura ambiente fino a quando raddoppia di volume, circa 1 ora

Prima di accendere il forno a 230° C (se si usa un forno ventilato, a 220° C), mettere una placca da forno alla base. Aspettare che il forno abbia raggiunto la temperatura e 5 minuti prima di inserire il pane, versare una tazza di acqua calda nella placca bollente e fare attenzione al vapore che uscirà!

Prima di infornare, praticare dei tagli con un coltello molto affilato (coupe saucisson) e infornare
Cuocere per 25-30 minuti o fino a quando sono belli dorati.
Toglierli dal forno e metterli su una griglia a raffreddare
Ascoltare il crepitio dei filoncini mentre raffreddano


Con questo pane partecipo a Panissimo da un'idea di Sandra e Barbara, che questo mese è ospitato da Dolce Forno





Pain Ordinaire Careme au Seigle
Liberally inspired by the New complete book of breads by Bernard Clayton
4-1/2  cups flour of tenero grain type 0, stone milled in Fosdinovo (MS)
2 cups rye flour
1 tsp sugar
1 package dry yeast (original recipe calls for 2)
2 cups hot water
1/2 cup milk
2 tsp salt

Rising times: 2 hours + 1-1/2 hours + 1 hour= total 4-1/2 hours

Measure 4-1/2 cups of flour into the work bowl and add the yeast and whisk together.
Add the hot water slowly to make a thick batter.
Process for 1 minute then add the salt, 2 cups of rye flour, then pulse several times to blend throughly. If the dough continues to be wet, add more flour.
Knead a few minutes until you get a soft dough. Shape into a ball and place into a large greased bowl,then cover with a plastic wrap and leave at room temperature for 2 hours.

Turn the dough onto the work surface to knead briefly, about 3 minutes. Return the dough to the bowl and re-cover with plastic wrap. Allow to rise for about 1-1/2 hours

The dough will be light and puffy. Turn in onto the floured work surface.
Divide in 3 small loafs and place onto a pan covered with parchment paper.
Cover the loaves with cloth, preferably of wool, to allow air to reach the loaves and to form a light crust.
Leave at room temperature until the dough has risen to more than double its size, about 1 hour.

Before preheating the oven to 450° F (if using a convection oven, reduce heat 50°), place a broiler pan on the floor of the oven or bottom rack so it will be there later. Five minutes before baking, pur 1 cup hot water into the hot pan and be careful of the burst of steam.
Before transferring the pans, make diagonal cuts down the length of the loaves (coupe saucisson) and place in the oven.
Bake about 25 to 30 minutes or until golden brown.
Turn one loaf over and if the bottom crust sounds hard and hallow when tapped, the loaf is done.
Place on a rack to cool and listen to the crackle of the loaves as they cool











venerdì 21 febbraio 2014

Decotto Speziato con Zenzero e Limone



Giornate come queste meritano un bel decottino
Dopo una bella influenza (grazie, ne avevo proprio bisogno!In senso ironico, eh?!?!?) in un momento in cui avrei voluto fare di tutto, tranne stare chiusa in casa con 2 km di fazzoletto in tasca!
Pazienza!
Mi piace questo decotto speziato che scalda quando una bella coperta morbida
Mi piace l'aromo delle spezie e il gusto agrodolce della scorza del limone
Mi piace il dolce del miele che avvolge come una sciarpa di cashemere intorno al collo
Chiudo gli occhi e sono in una baita in montagna, davanti a un bel fuoco scoppiettante e fuori, solo la neve e il rumore del vento







Decotto Speziato con Zenzero e Limone (english version below)
10 g radice di zenzero, pelato
2 chiodi di garofano
1 anice stellato
1 stecca di cannella
500 ml acqua
scorza di un limone (solo la parte gialla), bio e lavato bene
1 cucchiaio miele di erba medica

Versare l'acqua in un pentolino e aggiungere l'anice stellato, la stecca di cannella, i chiodi di garofano, lo zenzero e le scorze di limone
Fare sobbollire a fuoco basso per circa 20 minuti.
Lasciare raffreddare 5 minuti poi filtrare
Aggiungere il miele e mescolare.


Da sorseggiare lentamente, sgranocchiando i biscottini di miglio alle spezie con semini di sesamo e lino




Note se cucinate per un celiaco, usate solo prodotti contrassegnati con la spiga barrata - gluten free


Con questa bevanda partecipo al 100% Gluten Free (Fri)day



Spiced Decoction with Ginger and Lemon
10 g ginger root. peeled
2 whole clove
1 star anise
1 cinnamon stick
500 ml water
zest (only yellow part) of  1 lemon, organic and washed well
1 tbsp honey

Pour the water in a pan, then add the star anise, cinnamon stick, cloves, ginger and lemon zest.
Simmer for 20 minutes
Cool 5 minutes and pass through a filter
Add the honey and stir
Drink hot together with my Spiced Millet Cookies with Sesame and Linen Seeds gluten free

sabato 15 febbraio 2014

Strudel "Mont Blanc" per MTC



Stamattina mi sono svegliata in MTC mode.
E' da giorni che penso a come interpretare questo strudel.

Ho visto strudel in gara, che nemmeno il Replicante ha visto balenare nel buio alle porte di Tannhaeuser!
Davvero senza parole! Complimenti!
Non riuscivo davvero a ideare uno strudel un pò particolare e stavo per fare una classica di mele!
Poi ho aperto il freezer! Giaceva un sacchetto con le castagne che avevo surgelato a Ottobre, che mi diceva: usami!
E poi tutto è stato più chiaro e ho cominciato a scalare la montagna, visto che non veniva da me!



Strudel "Mont Blanc" per MTC



Per la pasta ho utilizzato la ricetta della vincitrice del MTC, Mari Lasagnapazza.
Ho seguito la ricetta di Mari, passo passo:

150 g di farina 00 (io farina di grano tenero della Lunigiana)
100 ml di acqua
1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
1 pizzico di sale

Scaldate l’acqua, deve essere abbastanza calda ma non bollente. Setacciate la farina in un recipiente, aggiungete il sale e l’olio e versate a mano a mano l’acqua calda mescolando. Quando la farina avrà assorbito tutta l’acqua, togliete l’impasto dal recipiente e cominciate a lavorarlo con le mani su una spianatoia per un paio di minuti, fino ad ottenere un impasto morbido, quasi appiccicoso ma che comunque non resta attaccato alla spianatoia o alle dita. Mettete l’impasto a riposare, coperto da un panno umido o da una pellicola, per circa mezz’ora. Nel frattempo accendete il forno e portatelo alla temperatura di 180°C, modalità statica.
Stendete la sfoglia.
Mettete una tovaglia pulita (possibilmente lavata con sapone neutro e ben sciacquata), di lino o di cotone, sopra a un tavolo. Infarinate leggermente la tovaglia, prendete l’impasto e cominciate ad appiattirlo con le mani sopra alla tovaglia, quindi spianatelo aiutandovi con un mattarello. Quando la sfoglia comincerà ad essere abbastanza sottile mettete da parte il mattarello, sollevate la sfoglia dal tavolo aiutandovi con le mani e, tenendola con le nocche nella parte sottostante, cominciate a tirarla verso l’esterno facendola girare ogni tanto e facendo attenzione che non si rompa. La sfoglia deve diventare praticamente trasparente. Riponetela nuovamente sulla tovaglia, dovreste aver ottenuto una sfoglia quadrata di circa cinquanta centimetri per lato. Siccome i bordi saranno rimasti un po’ più spessi, passate con le dita lungo tutta l’estremità della sfoglia tirando la pasta per assottigliarla.




Per il ripieno
300 g purea di castagne*
50 g zucchero di canna integrale
100 g cioccolato fondente 60% , tritato
1/2 cucchiaino cannella in polvere
una manciatina di codette al cioccolato per decorazione prima di infornare
Olio evo per spennellare

Per la guarnizione
Panna montata fredda di frigo

Per le mini Mont Blanc
100 g purea di castagne
1/2 cucchiaino estratto di vaniglia
2 cucchiai da minestra di latte
1 cucchiaino zucchero a velo
Codette di cioccolato
Cannella in polvere
Versare la purea di castagne, la vaniglia, il latte e lo zucchero a velo in una ciotola e lavorare con una frusta fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo.
Inserire in una sac-à-poche e tracciare delle rosette sul piatto di portata
Cospargere con le codette e la cannella



* Purea di castagne
Lessare le castagne per circa 45 minuti o fino a quando, aprendone usa, all'interno sono morbide, ma non "al dente". Scolare e togliere la buccia e la pellicola di rivestimento.
Passare a setaccio o attraverso un tritacarne, per ottenere una purea (o composto) molto densa



Il ripieno
Versare la purea di castagne in una ciotola
Aggiungere lo zucchero di canna, il cioccolato tritato e la cannella e mescolare il tutto
Versare il composto sulla sfoglia già pronta e arrotolare come descritto da Mari. Spennellare con l'olio e decorare con le codette al cioccolato.
Infornare e cuocere nel forno statico a 180° per circa 30-40 minuti, avendo cura che lo strudel non diventi troppo scuro, ma bello dorato.
Togliere dal forno e lasciare raffreddare


Montare la panna  in una ciotola messa in precedenza in frigorifero a freddare.
Inserire in un sac-à-poche e decorare a rosetta sul piatto da portata, su cui mettere le fette di strudel e i mini Mont Blanc

Spoverizzare la panna e lo strudel con la cannella in polvere


L'angolo del Sommelier
Il Sommelier consiglia un bicchierino di Anghelu Ruju


Con questa ricetta partecipo alla sfida mensile de l' MTChallenge di Febbraio 


venerdì 14 febbraio 2014

Risotto in Rosso con Verdurine - Risotto in Red with Vegetables



Oggi e le montagne
Ho cominciato questa giornata ammirando le montagne, le Alpi da una parte e gli Appennini dall'altra, in lontananza, con le cime coperte di neve.
La neve rifletteva tutta la sua purezza e brillava illuminata dai primi raggi del sole.
Troppo lontane per me oggi.
Rimarrà solo il quadro che ho dipinto nei meandri nella mia mente

Oggi è San Valentino
Io lo festeggio come in USA: si regala una "valentina" (un cartoncino con un disegno e una dedica) alle persone a cui si vuole bene e non solo all'innamorato..


Oggi mi vesto di rosso
Come il colore intenso delle rose, delicate e vellutate.
Come una mela profumata e irregolare.
Come una ciliegia matura, pronta per essere beccata da un uccellino.
Come un nastro di seta per legare un mazzo di spighe, in estate.
Come un pomodoro maturo.


Risotto in Rosso con Verdurine
ingredienti per 4 persone

4 pugni di riso vialone nano più 2 per la pentola
200 g zucca delica (circa 1/4), già decorticata, a dadini
100 g fagiolini, a tocchetti
100 g peperone giallo (circa metà), a listarelle o quadratini
1 cipollotto fresco rosso, tagliato a rondelline
2 carote medie, a rondelline
250 g pelati a pezzetti
1 lt brodo vegetale
200 g formaggio sbrinz, grattugiato
Sale, quanto basta
2 cucchiai olio evo + un filo per la "mantecatura"

Scaldare l'olio in un tegame anti-aderente e aggiungere le verdure che dovranno essere rosolate  per circa 10 minuti a fuoco vivo con il coperchio. Mescolare spesso.
Aggiungere i pelati, far prendere il bollore e poi abbassare la fiamma per circa 20 minuti. Se si dovesse asciugare troppo, aggiungere un mestolino di acqua calda.
Aggiungere il riso e mescolare qualche minuto, poi procedere come per un normale risotto, aggiungendo il brodo quando il riso ha assorbito tutto il liquido e mescolando spesso, rigirando tutto il riso in modo che cuocia uniformemente, circa 25 minuti.
Aggiungere lo sbrinz e "mantecare" con un filo d'olio
Servire caldo

Nota: se cucinate per un celiaco, assicuratevi di usare solo prodotti con la spiga barrata - gluten free

Con questa ricetta partecipo al  100% Gluten Fee Friday



e questa ricetta partecipa al contest Rice Blogger 2014




Risotto in Red with Vegetables
Serves 4

4 handfuls of rice "vialone nano" plus 2 for the pot
200 g pumpkin "delica", cubed
100 g string beans, coarsley chopped
100 g yellow pepper (about half), cut into strips or small squares
1 spring red onion, sliced
2 medium carrots, sliced
250 g stewed tomatoes, chopped
1 lt vegetable broth
200 g sbrinz cheese, grated
Salt
2 tbsp extra virgin olive oil + 1 tbsp to cream the cooked risotto


Heat the oil in a non-stick pan and add the vegetable which must be sautéed for about 10 minutes on high heat, covered. Stir often
Add the tomatoes and cover. As soon as it starts boiling, reduce the heat and simmer for about 20 minutes. If too dry, add a small amount of hot water.
Add the rice and stir for a few minutes, then proceed as per a normal risotto, adding the broth when the rice has absorbed all liquid, about 25 minutes
Add the cheese and "cream" the cooked risotto with the remaining oil
Serve hot

Note: if you are cooking for a person with celiac disease, make sure that you are using only gluten free products



venerdì 7 febbraio 2014

Vellutata di Funghi Porcini con granella di Nocciole gluten free - Cream of Porcini Mushroom Soup with Chopped Hazelnuts



Per la prima volta, sono stata contenta di scappare dalla montagna.
Troppa neve, pioggia, scarpe continuamente inzuppate d'acqua e poi il raffreddore!
Solitamente è il periodo dell'anno che preferisco: immergermi nel bianco più bianco e respirare l'aria fredda e cristallina dell'alta montagna. Il sole che spacca i ghiacciai e il cielo blu blu blu...
Niente
Stavolta solo nebbia, freddo e umido!
Purtroppo mi sono beccata qualche strana infezione, per cui vorrei solo stare sotto una coperta e dormire! Ma non si può...the show must go on!
E quindi stasera mi mangio questa deliziosa zuppetta calda che sa di autunno, delle prime giornate fredde dopo l'estate e naturalmente, di funghi!



Vellutata di Funghi Porcini con granella di Nocciole gluten free (english version below)
500 g patate, a cubetti
1/2 cipolla dorata, tritata grossolanamente
1 manciata di funghi secchi, ammollati in un bicchiere di acqua tiepida
500 ml acqua
Olio evo
Sale
100 g nocciole tritate

Versare un filo d'olio in una casseruola antiaderente e quando è calda, aggiungere le patate e le cipolle. Mescolare e coprire. Cuocere circa 5 minuti, mescolando ogni tanto.
Togliere il coperchio e aggiungere i funghi e liquido e l'acqua, mescolare e cuocere per circa 30 minuti.
Mescolare ogni tanto. Trascorsi i 30 minuti, togliere dal fuoco e frullare con il frullino ad immersione fino a ottenere una crema liscia e omogenea.
Aggiustare di sale
Servire con un filo d'olio e una piccola manciata di granella di nocciole

Nota: se cucinate per un celiaco, accertatevi di usare solo prodotti con la spiga barrata - gluten free


Con questa ricetta partecipo al 100% Gluten Fee Friday




Cream of Porcini Mushroom Soup with Chopped Hazelnuts
500 g potatoes, diced
1/2 onion, coarsely chopped
1 handful of dried porcini mushrooms, softened in one cup of lukewarm water
500 ml water
Extra virgin olive oil
Salt to taste
100 g chopped hazelnuts
Pour some oil in a non-stick pot and when it's hot add the potatoes and onions. Stir and cover.
Cook for about 5 minutes, occasionally stirring.
Uncover and add the mushrooms with the liquid and water.
Cook for about 30 minutes. Stir occasionally.
After 30 minutes, turn off the heat and puree with a hand mixer until it becomes nice and creamy.
Add salt to taste
Serve with a small drizzle of oil and chopped hazelnuts