lunedì 15 dicembre 2014

Buon Natale Babbo - Trecce di Zucca con Semini di Papavero, Lino, Sesamo e Girasole


Gira la chiave nella porta, con un pò di fatica.
Riesce ad entrare. Attiva la corrente e accende la luce.
Il pavimento in cotto ha un velo di polvere e il camino è spento, freddo.
Comincia a spazzare, riordinare e sistemare i vestiti. Ripone in frigorifero il latte ed il formaggio.
Va nella legnaia a prendere la legna per il camino e la stufa. Accende entrambi.
Finalmente un pò di calore. I muri di pietra cominciano a scaldarsi.
Va in soffitta e prende l'albero, le decorazioni e le luci. Prende anche il presepe.
Attacca le luci al balcone.
Sa che a valle si vedranno bene e la notte sarà buia.
Si siede sul divano davanti al camino
Si sente solo il crepitìo della legna che brucia. Guarda le fiamme che avvolgono la legna
E' Natale, ma tutto è ancora freddo nel suo cuore. Neanche il calore intenso e rosso delle fiamme riescono a scaldarlo
Eppure da qualche parte ci sarà la luce ed il calore, non è solo buio e freddo.
Piano piano comincia a sentire il profumo del brodo che sobbolle piano piano sulla stufa a legna. Sente la musica di Natale e le persone che parlano e ridono.
Si rompe l'incanto della solitudine buia e fredda.
Una lama di luce taglia la coltre di oscurità e penetra un leggero arcobaleno fatto di ali di farfalla.
Le fiamme, la musica, il profumo del brodo, le risate prendono forma e impersonano lo spirito del Natale
Accenna un sorriso, il cuore riprende a battere normalmente e si alza per aggiungere una altro pezzo di legno nel camino.
Lei sa che lui è lì, si è lì con lei, lo sente, dentro il cuore e nell'aria fredda d'inverno.
Buon Natale Babbo




Queste trecce le ho fatte un giorno freddo e nebbioso di Novembre





Vedevo il sole in una zucca e le piccole goccioline di nebbia, nei semini






Trecce di Zucca con Semini di Papavero, Lino, Sesamo e Girasole
Per circa 30 trecce
350 ml acqua tiepida
1 cucchiaino di  lievito di birra secco
1 cucchiaio di miele millefiori
200 g di zucca cotta al forno  e setacciata
1 uovo
60 ml di olio evo
350 g di farina di grano senatore cappelli
650-700 g di farina manitoba
1/2 cucchiaino di sale
Olio evo o acqua per spennellare
Semi vari: papavero, lino, sesamo, girasole

Versare il lievito, il miele e l'acqua nella ciotola di una planetaria. Mescolare e aspettare 5 minuti in modo che il lievito cominci a lavorare.
Aggiungere la zucca, l'uovo, l'olio e mescolare con la frusta a foglia e aggiungere le farine poco alla volta. Quando l'impasto diventa più sodo, aggiungere il sale e sostituire la frusta con quella a gancio e aggiungere la farina rimanente.
Lavorare l'impasto per qualche minuto poi togliere dalla ciotola e trasferirlo su una superficie infarinata. Lavorare l'impasto e fare qualche piega.
Formare una palla e riporre nella ciotola e coprire con un panno di cotone. Lasciare lievitare in un luogo privo di correnti d'aria (il forno spento o la dispensa vanno benissimo) per circa 2 ore o fino al raddoppio.
Togliere l'impasto dalla ciotola e porlo su una superficie di lavoro infarinato.
Tagliare l'impasto in 4 parti. Per ciascuna parte stendere l'impasto in un rettangolo con il mattarello fino ad un spessore di 1 cm .
Tagliare la parte più corta in tante striscioline di 1 cm di larghezza.
Prendere 3 striscioline e attaccare le 3 estremità fra di loro e formare le trecce.
Trasferire le trecce su una teglia da forno precedentemente rivestita da carta da forno.
Spennellare con olio o acqua e cospargere con i semini
Coprire le trecce con un panno di cotone e lasciare lievitare altri 30 minuti.
Scaldare il forno a 220° C


Infornare e cuocere per circa 12-15 minuti o quando sono belli dorati


Togliere dal forno e raffreddare


Anche se non è un pane cotto nel coccio, partecipo alla raccolta di Panissimo di Dicembre, da un'idea bellissima di quelle 2 ragazze, Sandra e Barbara




9 commenti:

  1. uno dei pochi post letto tutto ma proprio tutto, ogni parola!
    Ci si scalda mano a mano con le tue parole :-)
    un abbraccio grande :-)
    raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Raffaella! Era un pò che lo tenevo dentro questo pensiero e finalmente è uscito! :)

      Elimina
  2. E' bellissimo il tuo post Isabel...fantastiche e molto originali le tue trecce!!! Un abbraccio forte carissima e a presto, Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks Mary! I don't have libby's, but fresh pumpkin may be better :)

      Elimina
  3. che delizia!!! Perfette per la colazione di Babbo Natale!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione! Speriamo che non le mangi tutte :)))

      Elimina
  4. Bellissimo il tuo racconto, superbo direi, così come il giallo intenso e il profumo delle tue trecce di zucca...un bacio Isa, ci sei mancata al Poggiale!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi siete mancate anche voi! Speriamo di vederci presto :)

      Elimina