venerdì 10 ottobre 2014

Torta di Lattuga, Cipollotti e Formaggio per Starbooks e #worldeggday




Dopo una sosta, eccomi di nuovo  a pubblicare una ricetta delle Starbookers.
E' una ricetta che ho subito voluto fare, ma poi è finito nel dimenticatoio fino a quando ho deciso di partecipare alla Giornata Mondiale dell'Uovo hashtag #worldeggday
A me e alla mia famiglia è piaciuto tantissimo e penso che lo rifarò, visto che sto pensando anche a variazioni come per esempio sostituire la lattuga con della scarola
Grazie ancora una volta alle Starbookers e alla Giornata Mondiale dell'Uovo

Il mio pensiero stamattina è rivolto alle amiche e amici di Genova: forza ragazzi!






Torta di Lattuga, Cipollotti e Formaggio
Tratto da Hugh Fearnley- Whittingstall, The River Cottage VEG

Ingredienti per 4-6 persone
Per la base
250 g farina 00
1 pizzico di sale fine
125 g burro freddo a cubetti
75 ml latte freddo

Per il ripieno
1 cucchiaio da minestra di olio extra vergine d'oliva
4 cuori di lattuga, tagliati in quarti
15 g burro (ho sostituito con olio evo)
2 mazzetti di cipollotti (250 g) tagliati a fette
100 g Asiago, grattugiato
2 uova grandi e 2 tuorli (io 3 uova grandi)
200 ml di panna
200 ml latte intero
Sale e pepe macinato fresco




Per la base, versare la farina e il sale in una ciotola. Aggiungere il burro e lavorarlo con i rebbi di una forchetta o con la planetaria con il gancio a foglia (come ho fatto io), finche il composto sarà sbriciolato.
Aggiungere il latte, poco alla volta in modo da ottenere un impasto omogeneo e formare una palla. Avvolgere la palla in una pellicola alimentare e fare riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.

Preriscaldare il forno a 180°C.
Togliere la pasta dal frigo e dalla pellicola e stendere con un mattarello su un piano di lavoro infarinato.
Trasferire in uno stampo a cerniera di 25 cm di diametro, premendo la pasta anche ai bordi dello stampo.
Coprire la pasta con carta da forno e riempirla con dei ceci o fagioli secchi (in modo che la pasta non si gonfi) e cuocere per 15 minuti.
Togliere dal forno e togliere i ceci/fagioli e la carta da forno. Bucherellare la pasta con una forchetta e cuocere per altri 10 minuti (max 15) o fino a quando la pasta iniza a dorare.

Per il ripieno, rosolare la lattuga in una padella antiaderente con l'olio e cuocere circa 5 minuti e aggiungere un pizzico di sale. Mentre cuoce, rigirare la lattuga fino a quando i bordi sono leggermente dorati. Aggiungere il burro (per me olio) a fine cottura.
Spegnere il fuoco e trasferire la lattuga nel guscio di pasta.
Scaldare l'olio rimanente nella padella e aggiungere i cipollotti e saltarli per circa 5 minuti. Discporli sopra la lattuga.
Disporre il formaggio sopra il ripieno: io mi sono dimenticata di questo passaggio e l'ho aggiunto direttamente nel composto con le uova.
In una ciotola, sbattere le uova con i tuorli (io solo uova intere), il latte e la panna. Regolare di sale e pepe, poi versare sopra il ripieno.
Infornare e cuocere per circa 35 minuti, fino a doratura
Quando è pronta, togliere dal forno e raffreddare.
Servire la torta tiepida o temperatura ambiente





Note: -la torta è venuta benissimo e la superficie è risultata ben dorata.
-il ripieno era bello compatto ma non asciutto
-la base è risultata meno cotta rispetto alla parte superiore, ma forse questo è una problematica del mio forno e del fatto che era troppo spessa, circa mezzo centimetro
-ho sostituito il burro con l'olio perchè non mi piaceva l'idea di rendere troppo cremosa la lattuga e poi i cipollotti.
-ho usato 3 uova grandi al posto di 2 uova e 2 tuorli e il risultato è stato comunque ottimo.



La ricetta originale la potete anche trovare sulla pagina Starbooks


Con questa ricetta partecipo allo Starbooks Redone di Ottobre



e anche alla Giornata Mondiale dell'Uovo #worldeggday



16 commenti:

  1. Mi piace l'idea della lattuga come ripieno.

    RispondiElimina
  2. ciao isabel! credo anch'io che la base fosse un po' troppo spessa oppure che il tuo forno necessiti di tempi più lunghi... il mio ad esempio è piuttosto vecchiotto e le guarnizioni non tengono più come una volta, perciò devo aumentare tutte le cotture. comunque la torta mi sembra buonissima :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina! La rifarò senz'altro controllando meglio lo spessore :)

      Elimina
  3. Che delizioso! In Giappone abbiamo una frittata con i cavoli tritati, ma quella con la lattuga non l'ho vista mai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Titti! Grazie mille per essere passata da me :) Proverò altre verdure nel ripieno e se riesco anche il cavolo!

      Elimina
  4. Ciao Isabel, mi ricordo bene questa torta, perché era proprio quella che avevo preparato io ;) Mi è venuta voglia di rifarla... ;)
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale e grazie per la ricetta che hai proposto. Mi (ci!) è piaciuta davvero tanto
      Ciao

      Elimina
  5. deve essere di un buono pazzesco, ma ha tutto quello che devo evitare...non dispero di farla con tutti i miei senza.
    Per te, cara Isabel, applausi e sorrisi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che peccato! Comunque, mi è piaciuto così tanto che voglio provarlo anche con i senza :)

      Elimina
  6. questa torta già mi aveva intrigato quando la fece ale, adesso che la rivedo da te non ho più dubbi, devo rifarla.
    e come al solito, il buon vecchio hugh non tradisce.
    è una delle scoperte che ho amato di più.
    grazie per aver partecipato, e per averlo fatto con così tanta accuratezza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per averlo proposto. Ci è piaciuto tantissimo

      Elimina
  7. Deliziosa davvero questa torta, che voglia di farla!
    Probabilmente la pasta era troppo spessa, io la tiro sempre a 3 mm di sp3ssore e ho scoperto di recente che cuocendo le torte salate sil ripiano più basso del forno, la torta si cuoce meglio. Ho sperimentato il sistema con una briséé che non era stata cotta in bianco, ed è venuta perfetta.
    Da quanto scrivi direi che la ricetta è promossa, dico bene? ;-)
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mapi! La rifarò senz'altro, tirando un pò di più la sfoglia. La ricetta è decisamente promossa

      Elimina