sabato 15 febbraio 2014

Strudel "Mont Blanc" per MTC



Stamattina mi sono svegliata in MTC mode.
E' da giorni che penso a come interpretare questo strudel.

Ho visto strudel in gara, che nemmeno il Replicante ha visto balenare nel buio alle porte di Tannhaeuser!
Davvero senza parole! Complimenti!
Non riuscivo davvero a ideare uno strudel un pò particolare e stavo per fare una classica di mele!
Poi ho aperto il freezer! Giaceva un sacchetto con le castagne che avevo surgelato a Ottobre, che mi diceva: usami!
E poi tutto è stato più chiaro e ho cominciato a scalare la montagna, visto che non veniva da me!



Strudel "Mont Blanc" per MTC



Per la pasta ho utilizzato la ricetta della vincitrice del MTC, Mari Lasagnapazza.
Ho seguito la ricetta di Mari, passo passo:

150 g di farina 00 (io farina di grano tenero della Lunigiana)
100 ml di acqua
1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
1 pizzico di sale

Scaldate l’acqua, deve essere abbastanza calda ma non bollente. Setacciate la farina in un recipiente, aggiungete il sale e l’olio e versate a mano a mano l’acqua calda mescolando. Quando la farina avrà assorbito tutta l’acqua, togliete l’impasto dal recipiente e cominciate a lavorarlo con le mani su una spianatoia per un paio di minuti, fino ad ottenere un impasto morbido, quasi appiccicoso ma che comunque non resta attaccato alla spianatoia o alle dita. Mettete l’impasto a riposare, coperto da un panno umido o da una pellicola, per circa mezz’ora. Nel frattempo accendete il forno e portatelo alla temperatura di 180°C, modalità statica.
Stendete la sfoglia.
Mettete una tovaglia pulita (possibilmente lavata con sapone neutro e ben sciacquata), di lino o di cotone, sopra a un tavolo. Infarinate leggermente la tovaglia, prendete l’impasto e cominciate ad appiattirlo con le mani sopra alla tovaglia, quindi spianatelo aiutandovi con un mattarello. Quando la sfoglia comincerà ad essere abbastanza sottile mettete da parte il mattarello, sollevate la sfoglia dal tavolo aiutandovi con le mani e, tenendola con le nocche nella parte sottostante, cominciate a tirarla verso l’esterno facendola girare ogni tanto e facendo attenzione che non si rompa. La sfoglia deve diventare praticamente trasparente. Riponetela nuovamente sulla tovaglia, dovreste aver ottenuto una sfoglia quadrata di circa cinquanta centimetri per lato. Siccome i bordi saranno rimasti un po’ più spessi, passate con le dita lungo tutta l’estremità della sfoglia tirando la pasta per assottigliarla.




Per il ripieno
300 g purea di castagne*
50 g zucchero di canna integrale
100 g cioccolato fondente 60% , tritato
1/2 cucchiaino cannella in polvere
una manciatina di codette al cioccolato per decorazione prima di infornare
Olio evo per spennellare

Per la guarnizione
Panna montata fredda di frigo

Per le mini Mont Blanc
100 g purea di castagne
1/2 cucchiaino estratto di vaniglia
2 cucchiai da minestra di latte
1 cucchiaino zucchero a velo
Codette di cioccolato
Cannella in polvere
Versare la purea di castagne, la vaniglia, il latte e lo zucchero a velo in una ciotola e lavorare con una frusta fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo.
Inserire in una sac-à-poche e tracciare delle rosette sul piatto di portata
Cospargere con le codette e la cannella



* Purea di castagne
Lessare le castagne per circa 45 minuti o fino a quando, aprendone usa, all'interno sono morbide, ma non "al dente". Scolare e togliere la buccia e la pellicola di rivestimento.
Passare a setaccio o attraverso un tritacarne, per ottenere una purea (o composto) molto densa



Il ripieno
Versare la purea di castagne in una ciotola
Aggiungere lo zucchero di canna, il cioccolato tritato e la cannella e mescolare il tutto
Versare il composto sulla sfoglia già pronta e arrotolare come descritto da Mari. Spennellare con l'olio e decorare con le codette al cioccolato.
Infornare e cuocere nel forno statico a 180° per circa 30-40 minuti, avendo cura che lo strudel non diventi troppo scuro, ma bello dorato.
Togliere dal forno e lasciare raffreddare


Montare la panna  in una ciotola messa in precedenza in frigorifero a freddare.
Inserire in un sac-à-poche e decorare a rosetta sul piatto da portata, su cui mettere le fette di strudel e i mini Mont Blanc

Spoverizzare la panna e lo strudel con la cannella in polvere


L'angolo del Sommelier
Il Sommelier consiglia un bicchierino di Anghelu Ruju


Con questa ricetta partecipo alla sfida mensile de l' MTChallenge di Febbraio 


15 commenti:

  1. Con questa mi conquisti definitivamente, se poi mi offri anche un calice, allora ...."sono tua"!!!;))

    RispondiElimina
  2. adesso che ho fatto il mio comincio a leggere i vostri, complimenti vivissimi Isabel, io la Mont Blanc la amo tantissimo e una interpretazione strudellesca mi piace tanto, hai scalato bene la montagna

    RispondiElimina
  3. Pss pss...ti sussurro un segreto: 'sta montagna non arriva mai!!...Tocca sempre a noi scalarla...pero' guarda che tesori si ritrovano quando si arriva in cima....

    RispondiElimina
  4. Cara Isabel, e per fortuna che non avevi idee... ma ti rendi conto di che cosa sei riuscita a sfornare? Tu con lo strudel al Mont Blanc mi conquisti del tutto, il Mont Blanc è in assoluto il mio dolce preferito (ma che mi hai spiato? :))) E poi mi piace il tuo essere in MTC mode :)
    Non posso che dirti bravissima, per l'idea, per l'esecuzione, per tutto.
    E grazie mille per aver partecipato.
    Mari

    RispondiElimina
  5. Mont Blanc....e che ne parliamo a fare?
    Meno male che poi l'idea, e che idea, arriva sempre e sa arricchire conme una perla la collana del ricettario dell'MTC.

    Siamo quasi sulla stessa linea, domani sarò anche io con uno strudel dolce alle castagne! ;)

    RispondiElimina
  6. Di solito quando le idee non arrivano basta staccare la spina e smettere di pensarci. Poi improvvisamente dal nulla appare tutto chiaro!! Sembra sia successo così a te e alle tue castagne, e ne è venuto fuori un dolce delizioso! Se avessi preparato lo strudel di mele sarebbe stato sicuramente buono, ma meno male che hai guardato oltre la porta del freezer ;-)
    Complimenti!! Ciao, Vale

    RispondiElimina
  7. Come unire due sfide MTC in una..... Le castagne ...e lo strudel...bella pensata, baci , Flavia

    RispondiElimina
  8. Io adoro le castagne e il mont blanc in particolare , perciò qui tocchi le mie corde più golose.... Ottimo Isabel, ottimo e terribilmente godurioso! :-)

    RispondiElimina
  9. Che idea favolosa!!... Castagne e cioccolato... Super!
    Bravissima!!

    RispondiElimina
  10. Veramente particolare! In bocca al lupo per la sfida!
    ;-)

    RispondiElimina
  11. Adoro lo strudel!Un accoppiamento stupendo, complimenti! Ciao

    RispondiElimina
  12. Una versione coccolosa del classico strudel, brava ;)

    RispondiElimina
  13. Ciao!!
    ho scoperto il tuo blog grazie all'AIFB di cui sono anche socia,e ti seguo da stasera con vero piacere!!!!
    bello questo strudel!
    Mirtilla
    www.angolocottura.com

    RispondiElimina
  14. Davvero una bella alternativa al classico strudel, bravissima

    RispondiElimina
  15. praticamente, due mtc in uno.. perchè le castagne son roba recente- e anche lì, avete fatto cose che voi umani.. questo, comunque, è un colpo basso. Giusto al giro cosce... ottima l'idea di servire i mont blanc a parte, perchè non credo che possano reggere la cottura in forno- e comunque, hai inventato un ripieno che non ha bisogno di alternative. E mannaggia a me, che non ho surgelato niente, quest'autunno! Complimenti!

    RispondiElimina