martedì 21 gennaio 2014

Mafé my style con Pita per MTC



Mi ricordo ancora il mio primo MTChallenge: la Red Velvet Cake! Ero intrigata da tutte la variazioni su un tema unico: i pici, il pane del sabato, le arancine, la torta frangipane, il danubio, le polpette svedesi....
Seguivo sottofondo tutte le proposte degli sfidanti e un giorno ho deciso: partecipo anche io!
Devo dire che da allora, uno dei miei pensieri fissi è l'MTC: non vedo l'ora di sapere qual'è la proposta del mese e il regolamento (per non parlare degli indizi...!!!): il divertimento per chi ama cucinare, è assicurato!
Alcune sfide sono state impegnative, visto la contemporaneità delle ricette da presentare, altre più "tranquille" ma non meno impegnative!
Questo mese, la sfida lanciata dalle Vincitrici (La Cucina Spontanea) della scorsa "edizione", è lo stufato e la cucina a fuoco lento

Ho scelto un piatto della cucina Africana, che pare sia originato in  Mali e viene preparato e mangiato  in gran parte dell' africa centrale e costa ovest. Esistono anche le versioni molto simili nelle Filippine (Kare-kare) e negli Stati Uniti (Virginia peanut stew).
Il Mafè è uno stufato composto da carne agnello, manzo o pollo il cui ingrediente più caratteristico è il burro d'arachidi.

(digressione) Il burro d'arachidi/peanut butter è uno dei miei ingredienti preferiti, anche se ormai poco presente nella cucina di tutti i giorni: non sono come Elvis, che lo metteva anche nel caffè (non proprio, ma poco ci manca!).

Le versioni di questo piatto sono davvero infinite: vengono usati più tipi di verdure, spezie e erbe.
Solitamente viene accompagnato da riso o cous cous, ma nella mia versione "my style" l'ho accompagnato a un semplice pane pita




Mafé my style (english version below)
1 kg spezzatino di manzo
1 cipolla dorata, tritata
3 spicchi di aglio, tritati
300 g pomodori pelati
2 carote grandi, pelate e tagliate a rondelle di circa 2 cm)
1 patata dolce (tipo arancione)
2-3 patate (buccia rossa)
500 ml acqua (più altra se troppo asciutto)
230 g burro di arachidi
2 cucchiai olio evo
sale e pepe

Scaldare l'olio in una casseruola di ghisa a fiamma media-alta.
Aggiungere lo spezzatino e rosolare per circa 5-6 minuti
Aggiungere la cipolla, le carote, la patata dolce e quelle rosse e mescolare 1-2 minuti.
Aggiungere i pelati e aspettare che cominci a sobbollire. Ridurre la fiamma e sobbollire circa 10 minuti per ridurrre il liquido.
Aggiungere il burro di arachidi e mescolare bene, poi aggiungere l'acqua per avere una consistenza più o meno brodosa.
Sobbollire a fiamma bassissima per 1 ora e mezza, mescolando ogni tanto, con il coperchio
Se dovesse asciugarsi troppo, aggiungere un pò di acqua
Servire con il pane pita

Pane Pita (english version below)
450 g farina 00
1 cucchiaini sale fine
1 cucchiai zucchero
7 g lievito il polvere
2 cucchiai olio evo
240 ml  acqua calda  (circa 37° C)

Versare circa 140 g di farina in una ciotola capiente insieme alla farina, il sale e lo zucchero e mescolare con una frusta.
Aggiungere l'olio e acqua e mescolare con un cucchiaio di legno o con la foglia del mixer per circa 3 minuti.
Fermare il mixer e aggiungere il resto della farina 70 g alla volta, fino a finirla.

Cambiare il gancio a foglia con un gancio per impasto da pane e mescolare per circa 6 minuti o lavorare l'impasto a mano per lo stesso tempo su una superficie spolverata di farina.
Se troppo umido, aggiungere un pò di farina fino a quando si ottiene un impasto morbido ma non appicciocoso. Formare una palla
Pre riscaldare il forno a 240° C
Dividere l'impasto in 8 pezzi e formare delle palline, poi coprire con un telo o asciughino pulito. Lasciare riposare per circa 20 minuti.
Appiattire ciascuna pallina con il palmo della mano e usare un mattarello per stendere la pasta fino ad diametro di circa 15 cm e uno spessore di circa 1/2 cm
Coprire 2 teglie/placche da forno con alluminio e adagiarvi sopra i pani.
Cuocere in forno per circa 8 minuti o fino a quando si gonfiano
Girare e cuocere altri 1-2 minuti
Togliere dal forno e coprire i pani con l'alluminio per tenere i pani al caldo e mobidi




Con queste ricetta partecipo al MTChallenge di Gennaio







Con la ricetta del pane pita partecipo alla raccolta di Panissimo di Gennaio, ospitato questo mese da Sono io, Sandra





Mafé my Style
2 lbs stewing beef, cubed
1 onion, chopped
3 cloves of garlic, minced
2 cups stewed tomatoes
2 big carrots, peeled and roughly chopped
1 sweet potato (orange kind)
2-3 red potatoes
2 cups water (plus more, if too dry)
1 cup peanut butter, smooth
2 tbs oil
Salt and pepper to taste

Heat the oil in a large cast iron pot over medium-high flame.
Add the beef and sauté until lightly browned on all sides, about 5-6 minutes
Add onion, garlic, carrots, sweet potato and potatoes and stir for 1-2 minutes.
Add tomatoes and bring to a boil. Reduce heat and simmer for about 10 minutes to reduce the liquid.
Add peanut butter and mix well then add the water to a stew like consistency.
Simmer over low heat for about 1 and half hours, occasionally stirring.
Add water if it becomes too dry.
Serve with pita bread


Pita bread
3 1/4 cups all-purpose flour
2 tsp salt
1 tbsp sugar
1 package dry yeast
2 tbsp extra virgin olive oil
1 cup hot water (about 100° F)

In a large mixing bowl pour 1 cup of flour, salt, sugar and dry yeast and whisk together.
Add oil and water and blend with a flat beater or beat with a wooden spoon for about 3 minutes on high.
Stop the mixer and stir in the remaining flour, 1/2 cup at a time.
Change the beater with a dough hook and mix for about 6 minutes or turn the dough onto a lightly floured work surface and knead the same amount of time.
If too moist, add a small amount of flour until soft but not sticky.Form a ball.
Preheat oven to 500° F
Divide dough into 8 pieces and roll into balls, then cover with a towel and let rest for 20 minutes.
With the palm of your hand flatten each ball into a disk and stretch lightly with your hands or rolling pin, flattening the dough into a disk about 6" in diameter and 3/16" thick
Place foil on 2 cookie sheets or pans, then put the disks on them.
Bake for about 8 minutes or until puffed.
Turn to brown for 1-2 minutes.
Take out of the oven and wrap with foil to keep warm and soft.

15 commenti:

  1. Wow con la pita questo spezzatino è magnifico!!!bravissima! gnammy! buona giornata cara!!

    RispondiElimina
  2. questo spezzatino è spettacolare ma voto 100 per la pita, ti è venuta benissimo!!!

    RispondiElimina
  3. Il burro di arachidi nello spezzatino????
    Io non lo amo molto, confesso, ma mi incuriosisce troppo il risultato...mumble mumble...
    Seguire le vostre proposte sta diventando davvero interessante!!!
    Mi segno tutto, mi sa che per prima cosa provo il pane pita!!!
    Grazie Isabel!!! Brava!!!! Roby

    RispondiElimina
  4. ecco, questa è una di quelle ricette che proverei subito..ma che vista la presenza dell'Omo in casa (amante dei sapori della tradizione e basta... -_- ) dubito che riuscirò mai a fare...
    mi inviti a farti da cavia? :)

    RispondiElimina
  5. altro che etnico qui, non solo il pane etnico! che spettacolo che sei Isabel... nella speranza di vederci almeno a marzo se non prima!
    grazie tesoro mio!
    Sandra

    RispondiElimina
  6. Anch'io come te ero incuriosita dalle foto di tutte le varianti che si generavano intorno al tema del mese. MI ricordo benissimo che per la sfida dei pici, Serena post per una settimana 4 o 5 versioni diverse. Pensai che il gioco doveva essere molto coinvolgente e decidemmo di provare. Anche noi abbiamo esordito con la red velvet!! Il burro d'arachidi ce lo vedo benissimo in questo piatto. A casa nostra l'etnico è sempre visto con un po' di diffidenza, peccato perchè un piatto come questo credo che potrebbe piacere a tutti. Abbinamento perfetto con la pita. Bravissima!un abbraccio, Chiara

    RispondiElimina
  7. un insieme di sapori ....da assaggiare al più presto.
    a presto claudette

    RispondiElimina
  8. e noi aspettiamo le tue ricette, Isabel, perchè ci regali ogni volta delle proposte interessanti, che ci fanno fare il giro del mondo: stavolta, però, mi sorprendi ulteriormente, perchè non mi aspettavo una ricetta africana. E non sai con che piacere l'ho letta, visto che è da un bel po' che mi lamento della grande assenza della cucina di questo continente. mi spiace solo di non poterla assaggiare, perchè sono allergica alle arachidi: ma di sicuro lo proverò per i miei familiari, che apprezzano il burro tanto quanto te. E vorrà dire che mi consolerò con qualche pita in più :-)
    Grazie ancora!

    RispondiElimina
  9. Intuisco questo sapore come persuasivo ed avvolgente.
    Amo il burro d'arachidi, il suo sapore tostato, intenso, nocciolato.
    Se posso permettermi aspetterei ad unirlo alla preparazione perchè lega in modo assoluto, forse meglio temporeggiare, almeno un po', restituirà in ogni caso tutta la sua personalità aromatica;))!!!!!
    Che bella idea, un piatto totalmente invitante!!

    RispondiElimina
  10. Un piatto davvero molto particolare, ma molto molto invitante! Non mi aspettavo il burro di arachidi... è un'idea molto molto aromatizzante :)

    RispondiElimina
  11. Adoro la pita, adoro lo spezzatino e l'idea di raccogliere il sughetto con il pane :) Un abbraccio Isabel cara, tutto bene?

    RispondiElimina
  12. Mi piace molto i sapori dell'aAfrica.ottima proposta

    RispondiElimina
  13. Innanzi tutto evviva la Velvet Cake, che ti ha vista entrare in questa sfida!!!! :-D E lo dico da non amante dei dolci, sai! ;-)

    Passando a questo intrigante Mafè, mi basta la presenza del burro di arachidi per farmi desiderare di provarlo. Non che io abbia una passione esagerata per questo ingrediente, però mi piace e se capita lo gusto volentieri. E in uno spezzatino del genere mi stuzzica davvero assai.
    Le patate dolci che trovo qui sono in realtà molto simili alle patate normali, hanno la buccia arancione e anneriscono subito quando le si sbuccia; tu parli invece di una varietà a buccia arancione, e io sono già qui che penso a che sapore possa avere, che la differenzi da quella che trovo io.

    Deliziosa la Pita, uno dei miei pani preferiti, e insomma.... questo Mafè mmme piaaasceeeee!!!! :-p

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  14. ciao!! complimenti per il tuo stupendo blog! quante stupende ricette!!!=) ti ho trovato per caso gironzolando!
    mi sono unita ai tuoi lettori fissi ! se ti va passa a trovarmi! così per due chicchiere!
    a presto buona serata vale

    RispondiElimina
  15. È incredibile per me vedere come in ogni parte del mondo ci sia un versione dello spezzatino, o stufato.... Anzi non è incredibile è proprio meraviglioso...ciao Flavia

    RispondiElimina