mercoledì 27 novembre 2013

Plumcake con Castagne e Cannella MTC - Chestnut Cinnamon Swirl Quick Bread


Argomento del tema di oggi: La Castagna
In tempi non sospetti (vedi MTC numero 34), sono andata nel bosco a cercare le castagne.
Per fortuna conosco un posticino in collina, non troppo lontano dalla strada, dove vado abitualmente a raccoglierle.
Ogni volta che vado, dico che è l'ultima.
Ma poi ogni volta non resisto al richiamo della castagna foresta e mi inerpico per salite, cado nel canali, inciampo nelle radici o nei sassi, mi trovo faccia a faccia con un cane nero, tipo "vitello che ringhia", prendo un paio di storte e mi pungo le dita.
E  mi fanno male la schiena e le braccia perchè continuo a insaccare castagne (ancora una!...uh, guarda che bella questa! dai, un'altra ancora!...) fino ad avere circa 10 5 chili di castagne!
E non finisce qui.
Torno a casa e metto le castagne nell'acqua per separare quelle bacate da quelle sane.
E poi prendo il pentolone di Amalia la strega e comincio a cuocerle.
Finita lì? Noooo! Let's get the party started!
Ma solo per i duri: quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare!
Scolo le castagne,e comincio a tagliare e togliere il "guscio" e poi (con taaanta pazienza), la pellicina.
Passa il tempo e ho ancora parecchi chili da fare e comincio a dirmi che non ce la posso fare!
Smetto e mi dirigo verso il frigo per cercare qualcosa di confortante da mangiare e leggo un bigliettino che è attaccato alla porta del frigo, che dice "you don't achieve anything without hard work!" (non ottieni niente senza lavorare sodo) e in quell'istante mi viene il lampo geniale: e se invece di togliere la pellicina una ad una, le spremo ben bene? Ebbene, ho scoperto un mondo nuovo!
Ottenuta la polpa di castagne, comincio a passarle a setaccio...un lavoro tremendo! Passo e ri-passo, ma la montagna di polpa rimane lì...sto per gettare la spugna ed ecco che il bigliettino mi torna in mente.

E allo stesso tempo ho un lampo che mi trapassa la testa per ricordarmi che ho un tritacarne....(no comment!)









Plumcake con Castagne e Cannella (english version below)
280 g farina 00
150 g più 100 g zucchero semolato, diviso
1 cucchiaino bicarbonato di soda
1/2 cucchiaino sale fine
300 ml yogurt naturale
100 g purea di castagne
60 ml latte
1 cucchiaino estratto di vaniglia
1 uovo
60 ml olio evo
1 cucchiaio (10 g) cannella in polvere

Scaldare il forno a 180°C
Ungere con un pò di olio uno stampo da plumcake (dimensioni 22X12).
Versare in una ciotola capiente gli ingredienti in questo ordine: farina, 150 g zucchero, bicarbonato, sale, yogurt, purea di castagne, uovo, vaniglia, latte e olio. Amalgamare fino a quando gli ingredienti sono amalgamati.

In una ciotolina mescolare i rimanenti 100 g di zucchero e cannella

Versare metà composto con le castagne nello stampo e cospargere con metà zucchero e cannella.
Versare il rimanente composto e zucchero e cannella



Con un coltello o spatola, "tagliare" il composto in modo tale che lo zucchero vada all'interno al composto
Cuocere nel forno per un'ora circa, facendo la prova dello stecchino (o spiedino di legno).
Togliere dal forno e raffreddare 10 minuti prima di estrarre il dolce dallo stampo







Con questa ricetta partecipo al MTChallenge di Novembre





Chestnut Cinnamon Bread
2 cups all-purpose flour
3/4 plus 1/2 sugar, divided
1 tsp baking soda
1/2 tsp salt
1 1/4 yogurt
1 cup chestnut puree
1/4 cup milk
1 tsp vanilla
1 egg
1/4 cup olive oil
1 tbsp cinnamon
Preheat oven to 350°F
Brush a 9X5 loaf pan with oil
Combine flour, 3/4 sugar, baking soda, salt, yogurt, chestnut puree, egg, vanilla, milk and oil
Stir just until moistened
In a small bowl, combine cinnamon and 1/2 sugar

Pour half of the batter into the pan, then sprinkle with half of the cinnamon-sugar.
Pour remaining batter and sprinkle with remaining cinnamon-sugar. Cut through the batter with a knife to swirl
Bake for 1 hour or until a toothpick inserted in the center comes out clean. Cool 10 minutes in the pan before removing from the pan on a wire rack






10 commenti:

  1. Isabel mitica!!!! Mi vedo la scena con passaverdura e tritacarne :-D, comunque ottimo risultato, una fettina a me???

    RispondiElimina
  2. uno dei lavori che odio di più: togliere la pellicina alle castagne cotte!!! mi piacciono ma se qualcuno lo fa per me...meglio :-) però se vuoi vengo con te a raccoglierle, quello sì è divertente!

    RispondiElimina
  3. che lavoro! ti invidio la passeggiata nel bosco ma non la sbucciatura delle castagne. Però che torta profumata hai ottenuto! :-)

    RispondiElimina
  4. ora non so come scrivere l' urlo del gorilla ma a me il richiamo della castagna fa pensare al richiamo della foresta, e mi ti immagino al mattino che ti alzi coi capelli a criniera di leone ed un solo pensiero. rincorrere una gazzella? giammai. andar per castagne! agguerrita come pochi ed armata di sacchetto.
    non soddisfatta, torni a casa e tiri fuori il tritacarne....
    dove finiremo di questi tempi.... ad arrostirle con la macchinetta per i pop corn facendole scoppiare? eheheheh...
    mi hai fatto troppo divertire con quetso racconto. ma ora torniamo seri. non si scherza sul plumcake alle castagne.
    e poi c' è la cannella........ io ti adoro. ti adoooooroooooo!

    RispondiElimina
  5. E fortunata te che hai ancora la possibilità di raccogliere le castagne; qui da me - ed era terra di castagni - da qualche anno il raccolto è azzerato a causa di un insetto le cui larve danneggiani i castagni.
    Questo plum cake mi piace molto per l'abbinamento di castagne cannella.
    Claudette

    RispondiElimina
  6. Complimenti per il lavorone!! sicuramente dà una diversa soddisfazione poter raccogliere le castagne in un bosco piuttosto che comperarle al mercato o al super.. Questo plumcake me lo segno, io adoro la cannella e le castagne :-) bacioni!

    RispondiElimina
  7. "You don't achieve anything without hard work!"- parole troppo vere che mi appartengono inesorabilmente. Ma d'altra parte immaginiamoci una vita tutto riesce al primo colpo,l'idea che abbiamo in testa si materializza all'istante e tutto quello che sogniamo si avveri subito. Il duro lavoro nobilita le anime e gli scopi per cui lo facciamo. Da un senso a tutto. Puoi essere felice di dover lavorare sodo per ottenere risultati... e che risultati!! grande pazienza... ma quella polpa di castagne immagino ti abbia dato tutta la soddisfazione che meritavi... anche all'assaggio scommetto:* un abbraccio Isabel! e in bocca al lupo:)

    RispondiElimina
  8. E' bello scoprire che hai tante anime gemelle culinarie sul web!!
    Perché vedi, io non abito vicino a un castagneto, ma essenzialmente sono come te: il lavoro duro non mi spaventa, mi ritrovo a fare lavori lunghi e noiosissimi chiedendomi chi me l'ha fatto fare, ma pochi giorni o qualche settimana più tardi sono punto e daccapo...
    Sai che a spremere le castagne proprio non ci avevo pensato? E pure io ho un tritacarne, ma è a manovella e quindi a quello penso il meno possibile. :-D

    Sontuoso questo plumcake, mi piace assai!!!
    Un bacione Isabel!!!

    RispondiElimina
  9. Isabel 5 chili di castagne!
    Non sai quanto sei fortunata!!!
    La tua ricetta è meravigliosa, e il tuo racconto delle escursioni nel bosco è veramente vivido :)
    Immagino solo la consistenza ricca e morbida di questa torta, accompagnta da caldo sapore di cannella, magica!
    Buona giornata :)
    Lou

    RispondiElimina
  10. Isabel passo da te, per dirti che il tuo commento mi ha toccato il cuore. E' proprio vero che bisogna avere il coraggio di mettere fuori i propri sentimenti e non avere pudori. E' come se questo all'improvviso si trasformasse in un comune abbraccio e aiuta a non sentirsi soli.
    Questo è il lato meraviglioso di avere un blog vero, che non bada solo alla ricetta, ma anche alle parole. Ma... oltre le parole ....
    complimenti per il tuo blog. e per questo spettacolo di ricette.
    un abbraccio
    Anna

    RispondiElimina