venerdì 4 ottobre 2013

Peach Flip per RE-CAKE!


                                           



Qualche giorno fa sono venuta a conoscenza di una nuova "prova" culinaria. Mi ha incuriosita e sono andata a vedere
In pratica,  viene scelta una  bella ricetta straniera (a quanto ho capito, non italiana), convertite le unità di misura e rifatta uguale o modificata a secondo del nostro gusto.
Appena ho visto la proposta di Settembre, non ho resistito! L'ho subito dovuta provare! Spinta anche dal fatto che avevo alcune pesche molto mature: le ultime comprate dal mio abituale "spacciatore" di zona (oltre le pesche, ha anche zucche, patate, pere e mele!).
E che erano mesi (inizio estate!) che non impastavo un bel lievitato come questo!


Ho seguito le indicazioni sui blog delle creatrici di questa sfida: Acqua e farina-sississimaDolcizieIl fior di cappero2 amiche in cucina e Tra fornelli e pennelli, con alcune piccole modifiche tra parentesi.






Peach Flip

Impasto
2 bustine di lievito di birra (io ho usato un cubetto di lievito fresco da 25 g)
118 ml (io ho usato 120 ml) acqua calda
110 g zucchero semolato per l'impasto + 165 g per la farcia
170 g burro a temperatura ambiente, diviso a metà: mezzo per l'impasto e metà per la farcia
118 ml (io ho usato 120 ml) latte caldo
2 cucchiaini di sale (io ho usato 1 1/2)
3 uova
680-750 g farina 00 (io ho usato 600 g farina 00 e 100 g di farina integrale)
1 tazza confettura pesche o albicocche (io ho fatto una composta con pesche fresche, vedi sotto*)
2 cucchiaini buccia d'arancia tritata finemente (omessa)
2 cucchiaini cannella in polvere
Mandorle a lamelle per decorare (omesse)

*Composta di pesche
3 pesche mature, pelate e tagliate a dadini
2 cucchiai zucchero semolato

Glassa
1 tazza zucchero a velo
2-3 cucchiaini latte
Versare il latte poco alla volta nello zucchero a velo, fino ad ottenere una glassa cremosa e non liquida.


Procedimento
Sciogliere il lievito nell'acqua. Aggiungere 110 g di zucchero, 85 g di burro, il sale, le uova e 350 g di farina.
Impastare (io ho usato l'impastatrice) finchè l'impasto diventa liscio e vellutato. Aggiungere la rimanente farina. Se l'impasto risulterà troppo morbido aggiungere ancora un pò di farina. Lavorare fino a quando l'impasto risulta liscia e compatta.
Mettere l'impasto in una ciotola unta,  coprire e far lievitare fino a farlo raddoppiare in volume (circa 1 ora).
Quando è pronta, mettere l'impasto sulla spianatoia e dividerla in 2.
Stendere 2 rettangoli (circa 1/2 cm di spessore) e sopra entrambi spalmare il rimanente burro, poi la composta, lo zucchero rimanente e la cannella, facendo attenzione a lasciare libero circa 1.5 cm il bordo dell'impasto. 
Arrotolare, facendo attenzione ad incorporare tutto il ripieno e chiudere tutti i bordi. 
Tagliare in 2 il rotolo a metà per il lungo. 
Io ho disposto le 2 metà (con la parte "aperta" rivolta verso l'esterno) e torcere insieme per creare una specie di treccia, unendo gli estremi (un pò di ripieno cadrà fuori, ma l'ho raccolto e disposto sopra le trecce).
Trasferire le trecce su un foglio di carta forno, coprire con un panno (io non li ho coperti e li ho messi nel forno spento) e far lievitare altri 30 minuti.
Prima di infornare, spargere le scaglie di mandorle (che io non avevo e non ho messo) e infornare a 180°C per 20/25 minuti.
Togliere dal forno e lasciare raffreddare e decorare con la glassa
*Compsta di pesche
Mettere le pesche e lo zucchero in un pentolino e cuocere con il coperchio per circa 40 minuti, mecolando spesso.
Frullare la composta lasciando qualche pezzettino di pesca ancora intera.
Fare sobbollire altri 10 minuti senza coperchio. La composta così ottenuta deve essere piuttosto densa.

Note:
- si ottengono 2 filoni abbastanza grossi
-l'ho assaggiata, sia appena fatta (calda...) che il giorno dopo e devo dire che l'impasto mentiene la sua fragranza, morbidezza e giusta umidità
-ottima per la colazione, merenda e dopo cena. Perfetto per l'ora del tè

                                            


Con questa ricetta partecipo al Re-Cake di Settembre







13 commenti:

  1. Bellissime complimenti. Come già ti ho detto questo "bread" è proprio tuo. Non può essere altrimenti....
    Bye ;)

    RispondiElimina
  2. Oh Madonna, Isabel! Non puoi farmi vedere queste cose adesso!
    Me lo sto mangiando con gli occhi! Ti è venuto da favola e posso solo immaginare come sia mangiarlo davvero!
    Bravissima!
    Buon w-end!

    RispondiElimina
  3. Ha un aspetto delizioso e sono sicura che anche il gusto sarà altrettanto buono! :)

    RispondiElimina
  4. Brava!! sei stata bravissima!
    hai perfettamente colto il segno del nostro re-cake!!! rifare ma anche personalizzare!
    ciao
    elisa

    RispondiElimina
  5. bravissimaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  6. davvero un lievitato molto soffice, perfetto con il tè, in effetti è da un po' che non ne faccio, e danno una gran soddisfazione.
    ciao!
    Francesca

    RispondiElimina
  7. complimenti un'ottima treccia, felice di averti con noi, a presto

    RispondiElimina
  8. complimenti un'ottima treccia, felice di averti con noi, a presto

    RispondiElimina
  9. ti è venuta benissimo, brava, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  10. Madòòò ma è stupendo questo cake!!! Bravissimissima. Un bacione cara e buon we

    RispondiElimina
  11. Mi attizza da morire questo dolce con le pesce, deve essere una favola! Baci

    RispondiElimina
  12. Ma che bella visione questo pane!!! Invita ad essere provato ;)

    RispondiElimina