martedì 28 maggio 2013

Riso, patate e...fantascienza per l'MTC


Essendo stata molto impegnata per lavoro e in trasferta per parecchi giorni, mi è quasi venuta l'ansia di non riuscire a partecipare all' MTC di Maggio!
Ed invece, con un giorno di riposo e recupero, mi è venuto in mente una versione squinternata da fare.
Più che fare, osare.....
Si, perchè ho usato gli ingredienti tradizionali di una ricetta e l'ho applicata ad un altra. Più fantascienza di così!
Sarà una ricetta oltraggiosa? Sarà andata fuori concorso?




Riso, patate e ...fantascienza
3 patate medie pelate e tagliate e fettine sottili
1 cipolla dorata tagliata a fettine
3 etti alici fresche, dislicate, pulite e aperte a libro
Riso vialone nano
Uvetta
Pinoli
Pecorino stagionato
Finocchietto selvatico fresco o ciuffi di finocchio
Brodo vegetale

Ho seguito il procedimento usato da Cristian, il vincitore del MTC di Aprile con il suo Chili.
Preriscaldare il forno a 160°
Ungere il fondo della teglia con un po’ d’olio e fare uno strato con metà delle verdure, l'uvetta  ed i pinoli




Sciacquare velocemente il riso in una scodella piena d’acqua, scolarlo e metteterlo nella teglia sopra lo strato di verdure livellandolo bene, dovrà formare uno strato molto sottile giusto a ricoprire leggermente le verdure, perché durante la cottura gonfierà abbastanza.
Mettere sopra al riso le alici.

Spolverare con metà del formaggio grattugiato e fare un altro strato di riso sopra le alici  e poi un altro con le verdure rimaste.

Versare il brodo vegetale nella teglia, in maniera tale che arrivi proprio a filo dell’ultimo strato di verdure.
A questo punto spolverare con il formaggio rimasto, il finocchietto e versare ancora un po’ d’olio. 
Infornare la teglia e fare cuocere a 160° per un’ora, un’ora e mezza, dipende dal forno, fino a che si sarà formata una bella crosticina dorata in superficie. Eventualmente nell’ultimo quarto d’ora di cottura alzate la temperatura del forno a 200°




Con questa ricetta partecipo al MT Challenge di Maggio



8 commenti:

  1. noooooooo, mitica e fantascientifica al massimo!!!
    grande Isabel!
    un bacio
    Sandra

    RispondiElimina
  2. questo piatto mi sta incuriosendo sempre più.........
    Complimenti, deve essere squisito in questa versione!

    RispondiElimina
  3. Fantascientifica solo in quanto sei una creatura molto fantasiosa: sai che non riesco ad immaginare che sapore potrebe avere una teglia così preparata? mi hai incuriosito moltissimo, cara Isabel... si si, sono proprio curiosa....
    Dani

    RispondiElimina
  4. Io direi un abbinamento casereccio e soprattutto diverso! Ciao cara, un bacione!

    RispondiElimina
  5. ciao aliena o marziana!!!!! forte la tua versione¨¨¨!!!! ciaoooooooo

    RispondiElimina
  6. Ciao Isabel!
    Dici che è fantascienza, ma io la tua versione la vedo reale, un ottimo connubio tra la cucina tradizionale di due regioni e soprattutto pronta per essere mangiata. Sarei proprio curioso di assaggiarla perchè deve essere veramente un valzer di gusti incredibili. Il dolce dell'uvetta, la consistenza dei pinoli, il profumo del finocchietto che fanno da accompagnamento alle alici fresche. Deve essere particolare e buonissima.
    Grazie mille!
    Cristian

    RispondiElimina
  7. La fantasia in cucina e uno strumento potentissimo e, nelle giuste mani, quello che produce non e' fantascienza, ma poesia....

    RispondiElimina
  8. Una ricetta buonissima. Non vedo l'ora di provarla.

    RispondiElimina