domenica 17 marzo 2013

MTC - Fideuà del Dragone Tropicale


Il mio cuoco Valenciano sta navigando su una nave cargo che trasporta ananas delle Hawaii.
Passa dalla Cina e riempie la cambusa di salse e verdure.
Ha ancora una buona scorta di pancetta affumicata.
Ha nostalgia di casa, così decide di preparare la Fideuà.
Guarda in cambusa e si ritrova con degli ingredienti a dir poco strani.
Ingredienti opposti a quelli con cui solitamente prepara la Fideuà.
Così si ingegna e pensa cosa può preparare.
Dal ponte, gli portano una bella retata di gamberi e da lì, nasce la sua stramba idea

Fideuà del Dragone Tropicale
300 gr fideus (spaghettini spezzati, 2/3 cm)
100 gr bacon (pancetta affumicata affettata sottile) tagliato a strisce
3 cipollotti tagliati a rondelle sottile (usare anche la parte verde)
200 gr gamberetti
1 cucchiaio olio (io ho usato extravergine d'oliva)




Per la salsa
1/2 ananas maturo tritato finemente
1/2 cipolla rossa (io ne ho usato una media) tritata finemente
1 cucchiaino zucchero di canna panela
1 cucchiaio salsa di soia
1 cucchiaio olio (io ho usato extravergine d'oliva)
un pizzico di sale di Cervia

Per il brodo vegetale
1 cipolla media
1 carota
1 costa sedano
1 lt circa acqua
sale q.b.

Procedimento
Preparare il brodo, facendo bollire le verdure in una pentola con l'acqua ed il sale. Filtrare e tenere da parte

Ho poi seguito il metodo di tostatura dei fideus di Mai, del Blog Il colore della curcuma, la bravissima vincitrice del MT Challenge con la sua Red Velvet Cake Gluten free.

Per la salsa
Scaldare l'olio in una pentola, aggiungere la cipolla, l'ananas e fare cuocere per circa 5 minuti, coperto.
Aggiugere lo zucchero e sale di Cervia.
Quando il succo di ananas è quasi completamente evaporato, aggiungere la salsa di soia e cuocere coperto altri 5 minuti.
Togliere dalla pentola e versare in una ciotola da portare in tavola.

Nella "paella" scaldare un filo d'olio, versarci i fideus e farli tostare il più omogeneamente possibile, devono diventare sul marroncino ma attenzione a non bruciarli troppo. Poi mettere da parte.


Nella paella fare un soffritto con  il bacon ed i cipollotti e mescolare con una spatola, fino a quando sono ben rosolati.
Aggiungere il brodo vegetale e poi , quando il brodo comincia a bollire, i fideus.


Irrorare con il brodo bollente, una volta che è stato assorbito tutto. Comportarsi come quando si prepara il risotto, quindi senza annegare i fideus nel brodo.

Verso metà cottura, aggiungere i gamberetti e terminare la cottura della pasta.
Servire con la salsa



Con questa ricetta partecipo al MT Challenge di Marzo

Colgo l' occasione per ringraziare l' MTC e Mai per avermi fatto conoscere questa ricetta, che non conoscevo e che ho preparato con un pò di timpore e tanto entusiasmo.








10 commenti:

  1. E questa è una sorpresa, Ines! ma piacevolissima. In piena aderenza al tema e ad una cucina obbligata ad arrangiarsi con quello che ha a disposizione. Alle salse tipo chutney, a base di frutta, cioè, non ha ancora pensato nessuno e tu inauguri questo filone, con un piatto ben legato, originale, ma convincente. Brava e grazie ancora per la tua partecipazione!

    RispondiElimina
  2. Wow! Bellissimo l'accostamento dell'ananas come salsa di accompagnamento! che poi, a ben pensarci, ananas e gamberetti si sposano benissimo!

    RispondiElimina
  3. ma complimenti ....che abbinamenti , interessante, buona settimana Flavia

    RispondiElimina
  4. premetto che i sapori più particolari e gli abbinamenti insoliti sono quasi banditi dalla nostra tavola perché l'Omo ama i sapori tradizionali ed io con lui ma ti dirò, Isabel, questa salsa all'ananas mi incuriosisce non poco!
    un baciotto!

    RispondiElimina
  5. Sono stata attratta allo "sbircio" dal dragone tropicale, e trovo qualcosa di davvero originale!
    Una versione interessantissima!!

    RispondiElimina
  6. Un piatto molto particolare e siccome sono curiosa mi piacerebbe provare questo mix di sapori diversi! Baci

    RispondiElimina
  7. Caspita che ricettina! In bocca al lupo per il contest cara :-)

    RispondiElimina
  8. Sono queste le proposte che mi attirano di più, del "tipo arrange" ma con saboir fare, perché uno deve essere anche capace di abbinare certi ingredienti. E tu lo hai fatto! Questo è da inchino con tanto di capello.
    E anche la salsa a base di frutta qui è la morte sua. fideuà stupefacente!

    Brabissima!

    (dimmi la verità... tu però, sei anche esperta in training autogeno vero?)

    RispondiElimina
  9. Quanti bei post, cara Isabel, questa fideuà è strepitosa, pensa che io mi sono così inibita con la versiona originale che non ho saputo creare niente che si discostasse da quella, eppure sto vedendo delle ricette incredibili, come questa!

    Volevo lasciarti i miei auguri per una buona Pasqua, ma anche il mio incoraggiamento( per quello che vale) per il tuo lievito appena nato, non aver timore di usarlo, sperimenta, mettilo alla prova e dagli il tempo di maturare, in fondo si cresce insieme, in tutti i sensi!

    baci

    RispondiElimina