giovedì 6 settembre 2012

Viaggio in Val Venosta con sorpresa




Dopo un periodo di blogger-buio, sono ritornata con la connessione giusta.

Nel frattempo ho fatto un bellissimo weekend lungo in Val Venosta.












Frutteti con mele quasi mature: rosse, gialle, rosa


I corsi d'acqua gelati ed il laghetto azzurro









Camminate a 2.500 metri, toccando quasi le cime ghiacciate dell'Ortles e Gran Zebrù










Il silenzo









Il cielo blu





Ma anche l'allegria dei fiori, insetti e degli uccelli



E poi lei: la Signora della lana. L'ho chiamata così perchè non le ho chiesto il nome.

Passando da Prato allo Stelvio, ho intravisto dalla macchina dei gomitoli di lana e calze appoggiati davanti ad una casa. L'insegna illegibile.

Decido di fermarmi per capire cosa fosse: un negozio o una fabbrica?

Da dentro la porta vedo spuntare il viso di una signora con i capelli bianchi e così vado a vedere di cosa si tratta.

Salgo le scale ed entro.

Si tratta di un piccolo negozio di questa signora che vende filati e grappe: un abbinamento quanto mai curioso.

Su 3 pareti ci sono scaffali fino al soffitto accatastati di filati di ogni genere: acrilico, misto lana, lana pura, cotone, seta, misto cotone e di tutte le tinte immaginabili.

Su un espositore di fianco alla porta, ci sono le bottiglie di grappa tipica e qualche souvenir.

La signora ha 90 anni, 75 dei quali passati dietro il bancone e 66 anni in questo negozio. Ha i capelli bianchi e camice da lavoro. Sorride quando ti parla e torna seria quando ti illustra le varie lane con grande competenza.

Ho acquistato dei gomitoli di lana di pecora grezza austriaca.


Il tempo è passato in fretta mentre ero in questo piccolo mondo di altri tempi e dimenticato.
Sarei voluta rimanere ancora per sentirla raccontare di sè e delle sue "avventure". Ma il tempo è tiranno

Ho ancora in mente il suo saluto e la speranza di rivederci presto. Lo spero anche io

8 commenti:

  1. M'incantano questi luoghi! E sono sicura mi avrebbe incantato il negozio dell'anziana signora, d'altri tempi e un po' magico! Mi verrebbe l'idea per una favola!

    RispondiElimina
  2. Mi hai fatto ricordare le vacanze della mia adolescenza, ho voglia di tornare in quei posti. La sorpresa della nonnina della lana, poi, è carinissima. :)

    RispondiElimina
  3. Che belle immagini! adoro la montagna e questi posti sono incantevoli!

    RispondiElimina
  4. Ma che bellissime foto e bellissimi paesaggi...

    RispondiElimina
  5. che nostalgia della Val Venosta.

    RispondiElimina
  6. Bellissime foto... e bellissimo post. Che nostalgia!

    RispondiElimina
  7. ciao Isabel!
    eccomi anche io da te! ero convinta che ero già tua follower, invece mi sono dovuta iscrivere solo ora.. perdonami!
    che dire di questo reportage: meraviglioso! non conosco benissimo questa valle ma ora non vedo ora di andare a fare un bel giretto :-)
    che belle foto, complimenti!
    vaty

    RispondiElimina