venerdì 21 dicembre 2012

Natale e friselle


Decorazion pasta di sale
Questo è il secondo Natale.
Le loro risate, visi felici e le mani in pasta rimangono nei miei ricordi, ma non nella vita reale.
Senza di loro, il Natale non è più così attraente come lo consideravo prima.
Dedico alla mia bisnonna Rosa, mai conosciuta, queste friselle. Lei era pugliese. Chissà se le ha mai preparate?
L'unico ricordo che ho, sono una fotografia di quando si è sposata ed una lettera mandata a mia nonna in tempo di guerra.
Uno sguardo dolce e malinconico
Una lettera piena di amore, pazienza e speranza


Friselle con i pomodori
10 friselle
2 pomodori maturi tagliati a cubetti
1 piccola cipolla rossa tritata
qualche foglia di basilico tritata
sale
olio extra vergine d'oliva
acqua
Disporre le friselle in un grande piatto e irrorarle di acqua. Aspettare che il fondo si ammorbidisca e poi voltarle.
A parte, in una terrina, mettere il pomodoro, la cipolla, il basilico, un pizzico di sale e olio.
Il sale e l'olio variano a seconda dei gusti, c'è a chi piace più saporito, altri meno.
Versare il composto con il pomodoro sulle friselle e servire le friselle su un bel piatto da portata


Buon Natale a tutte le stelle nel cielo che ci tengono compagnia quando pensiamo a chi non c'è più e che ci guardano dall'immenso universo

Un abbraccio a tutte voi





giovedì 13 dicembre 2012

Tenete botta! -Dolcini al riso soffiato



Direzione Reggiolo, poi San Giacomo delle Segnate, e ancora Poggio Rusco, e poi Sermide e ponte sul Pò, direzione Badia Polesine.
Mi lascio alle spalle la campagna e i casolari abbandonati e ancora vissuti di un'altra epoca.
Le piccole frazioni, i paesini, le cittadine sono un retaggio dei miei ricordi di bambina, di un tempo che fu, senza strutture mega moderne di vetri, specchi ed acciaio.
Piccole case dipinte di verde pallido, azzurro, giallo in mezzo ad altre in pietra e in semplice intonaco grigio.
Strade e stradine piccole dove passa a malapena una macchina.
Qualche timida decorazione natalizia. qualche luce, qualche insegna "Auguri" e  "Buon Natale".
Ma soprattutto i piloni che insieme alle impalcature, che sorreggono le case ed i muri crepati.
Le stalle ed i fienili crollati.
Le zone artigianali con i capannoni crollati
Il municipio costellato di crepe e puntellato con i piloni.
Mi sembra per un attimo di essere in Bosnia ed in Croazia a guardare con orrore- misto stupore a tutta la distruzione. Ma quella era creata dagli uomini.
Qui dalla natura.
Terrribile
Ad un certo punto mia figlia mi dice "Mamma, ma nevica?"
"Si"
"Mamma, quando diventa tutto bianco?"
"Presto, tesoro".


Un piccolo, quasi impercettibile augurio a tutti gli abitanti di queste (e anche le altre) zone colpite dal sisma di Maggio. Vi dedico questo semplicissimo "biscottino" per addolcirvi e colorarvi un pò la giornata.
Tenete botta!



Dolcini al riso soffiato
2 cucchiai (da minestra) di burro
25 marshmallow bianchi
4 tazze di riso soffiato

Stendere un foglio di carta da forno su una grossa teglia da pizza o biscotti da bordo basso
Sciogliere il burro in una grossa pentola dai bordi alti.
Appena sciolto, aggiungere i marshmallows e sciogliere anche quelli, insieme al burro per formare un impasto cremoso.
Aggiungere il riso soffiato e amalgamare bene.
Versare il tutto nella teglia, stendere un altro foglio di carta da forno e schiacciare leggermente con le mani , fino ad otterere uno strato piatto ed omogeneo.
Cospargere con codette colorate e lasciare raffreddare e tagliare a quadratini.


Si mantengono per massimo 2 giorni anche se è meglio mangiarli il giorno stesso per non perdere la croccantezza.
E' possibile congelarli: toglierli dal freezer e lasciarli a temperatura ambiente per circa 15 minuti.

E' un dolcino che si può mangiare mentre si scartano i regali il mattino di Natale o alla sera, per una coccola quando scende la sera.

Con questa ricetta partecipo al contest di Dolci a go go categoria Dolci Natalizi dal mondo




mercoledì 5 dicembre 2012

Granola/Muesli croccante e cambio - Granola and change




Cambio le foto dell'intestazione del mio blog a seconda delle stagioni o del mio umore, per questo l'ho chiamato così.
Ho ripensato ad un mio precedente post, e ho deciso di pubblicare la strada che conduce alla mia casa in toscana.

I change the heading picture of my blog according to the seasons or to my mood, this is why I called it this way.
I thought about one of my last posts, and I decided to publish the road that takes to my home in tuscany.

Ho passato gli ultimi anni a comprare il muesli di varie ditte, senza arrivare ad avere il sapore, croccantezza, ingredienti di mio gusto, non troppo dolce, e così cercando e provando varie ricette, ho messo a punto quello che mi soddifaceva di più

I spent the last years buying muesli from various companies. However, I did not get the taste, crunchiness, not-so-sweet, ingredients that I was looking for.
So, I looked up and tried many recipes, and at last I customized one that I like the most

Mi piace fare lo yogurt con la yogurtiera da 1 litro (ma esistono ancora così grossi?) and versarci dentro questi muesli croccanti  per un'armonia di sapori tra il dolce del miele e mele e l'acido dello yogurt casalingo.

I like to make my own yogurt with my 1 litre yogurt-maker (do they still make them so big?) and pour in these crunchy muesli. I like the perfect flavor between the sweetness of honey and apples and the pungent and sour taste of homemade yogurt.



Granola/Muesli croccante
Ingredienti
3 1/2 tazze fiocchi d'avena
1/2 tazza semi di zucca
1/2 tazza semi girasole
1/4 tazza semi sesamo
1/4 semi di lino
1/4 tazza zucchero di canna Panela o Mascovado
2 cucchiaini cannella in polvere
1/2 cucchiaino sale fine
3/4 tazza purea di mele
2 cucchiai miele di millefiori
1 cucchiaio (da minestra) olio extra vergine di oliva
1/2 tazza uvetta

Scaldare il forno a 150° C.
Mescolare in una grossa terrina i fiocchi d'avena, semi di zucca, semi di girasole, semi di sesamo, semi di lino, sale, e cannella. Mescolare bene.
Scaldare in un pentolino la purea di mele, l'olio, zucchero di canna ed il miele, fino a quando sono ben amalgamati e versare sopra il composto con i fiocchi di avena.
Mescolare bene e versare il tutto su una teglia coperta precedentemente con carta da forno. Distribuire bene il composto con le mani o spatola di legno  su tutta la teglia.
Infornare e cuocere per circa 45 minuti, mescolando  il tutto ogni 10 minuti fino a quando diventa bello dorato e tostato.
Una volta raffreddato aggiungere l'uvetta e mescolare. Versare in un contenitore (meglio se di latta) chiuso. Si mantiene bene per almeno un mese a temperatura ambiente



Granola
Ingredients
3 1/2 cups oats
1/2 cup pumkin seeds
1/2 cup sunflower seeds
1/4 cup sesame seeds
1/4 linen seeds
1/4 cup brown sugar
2 teaspoons ground cinnamon
1/2 teaspoon salt
3/4 cup applesauce
2 tablespoons honey
1 tablespoon extra virgin olive oil
1/2 cup raisins


Preheat the oven to 300° F.
In a large bowl, mix together the oats, seeds, cinnamon, and salt.
In a small pot, stir until well combined the applesauce, the honey, brown sugar and oil, and pour in the oat mixture. Stir until well combined. Pour and spread  the mixture on a large cookie sheet lined with parchment paper.
Bake the granola for about 45 minutes, stirring every 10 minutes, until the granola is toasted and golden. Remove from oven and cool stirring it to cool.
When cooled stir in the raisings. Let the granola at room temperature overnight or at least 10 hours before storing in a resealable metal container (coffee can will do). The granola will keep for up to one month at room temperature








Con questo post, partecipo al giveaway to Vaty (for the candles, hun!) e  a quello di Gianly (le foto sono 2 diverse, non la stessa a colori e l'altra b/n): un frutto, un rametto (lo riconosci?) e 2 foglie dei miei alberi preferiti, Ginkgo biloba e Liquidambar styraciflua





giovedì 29 novembre 2012

Autunno e polpette


Il tempo passa, e con questo tempo strano, faccio fatica e credere che manchi meno di un mese a Natale.
Vedo apparire le prime decorazioni natalizie, ma i pensieri sono ancora rivolti all'autunno e i suoi colori arancio, rosso, giallo, verde scuro. Un pò meno ai colori dell'inverno, bianco e trasparente. 
Ma ecco un altro pò di colore con queste polpette!


Polpette al sugo

300 gr di carne macinata scelta
1 cipolla rossa media tritata
1 uovo
Pangrattato q.b.
1/2 bicchiere latte
Sale q.b.
1 bicchiere salsa di pomodoro
Olio extra vergine di oliva


In una terrina, amalgamare la carne, la cipolla, l'uovo. Aggiungere il pangrattato ed il latte fino ad ottenere un composto appena compatto.
Formare delle polpettine con le mani e metterle a cuocere in una padella con olio caldo.
A metà cottura (apritene una per vedere quando è quasi cotta) aggiungere la salsa di pomodoro e cuocere lentamente per circa 10 minuti.

Volendo si può utilizzare il sugo e le polpette per condire una pasta

Con questa ricetta partecipo al contest di SQUISITO



giovedì 22 novembre 2012

National Geographic e Trofie al radicchio - National Geographic and Trofie with radicchio



A metà anni '70 in un bel giorno d'estate, due persone si aggiravano con fare incerto sulla strada polverosa che conduce a casa.
Quando ci videro, chiesero alcune infomazioni  e cominciarono a chiaccherare con noi.
Stavano facendo fotografie per un articolo su Leonardo da Vinci e avevano bisogno di un posto adatto per alcune foto.
Noi glielo trovammo.
La strada è ormai asfaltata da tempo (e la casa non è così polverosa), ma manca il mistero di dove conduce questa stradina di campagna sui colli toscani.

On a sunny summer day in the mid-'70s, two persons were walking on the dirt road towards to the house.
When they saw us, they asked for information and we started to talk together
They were taking pictures for an article on Leonardo da Vinci and they needed a good place to take some.
We found it
The dirt road has been asphalted a long time a go (and the house is not as dusty), but the mistery on where this country road goes on the tuscan hill, is gone.

Trofie al radicchio
Ingredienti per 4 persone
500 gr trofie
1 manciatina di sale grosso
2 cespi di radicchio rosso Chioggia tagliato a fette
1 cipolla di Tropea media, tritata
150 gr Asiago tagliato a cubetti
Olio di oliva
Sale q.b.

Mettere una pentola con acqua sul fuoco ed aspettare l'ebollizione, aggiungere una manciatina di sale e le trofie.
Nel frattempo, saltare in padella con un filo d'olio, le cipolle e il radicchio fino a cottura, circa 10 minuti.
Scolare le trofie e versarle nel radicchio e saltare con le verdure. Aggiungere sale e l'asiago
Saltare fino a completo scioglimento dell'Asiago


Trofie with radicchio 
Ingredients for 4 persons
500 gr trofie (pasta from Liguria)
1 small handful coarse salt
2 balls of Chioggia radicchio sliced
1 medium red onion, chopped
150 gr Asiago cheese, diced
Olive oil
Salt to taste


Fill a pot with water and heat util the water starts boiling. Add coarse salt and trofie.
Meanwhile, sautee the onion and radicchio with a little oil for about 10 minutes.
When the trofie are done, drain them and add them to the vegetables and sautee.
Add salt and Asiago, then continue to sautee until the cheese has melted



martedì 13 novembre 2012

Queen Elizabeth II, Paris and stir-fry vegetables - Queen Elizabeth II, Parigi e verdure saltate




In un bel pomeriggio di fine estate la Queen Elizabeth II salpò dal porto di New York, USA alla volta della Francia. La traversata durò 2 settimane.
Ricordo di aver vomitato (immagine poco poetica...) per quasi tutto il tragitto, intervallato da dalle nuotate nella piscina, perdersi nel labirinto della nave e il salvataggio di una nave Cinese in avaria in pieno Atlantico.
Ci siamo trasferiti in un sobborgo di Parigi, Orsay.

The Queen Elizabeth II left New York, USA in a nice end-of-summer day, destination France. The trip lasted 2 weeks.
I remember that I threw up (not very poetic...) for almost all the trip, even though we did swim in the pool, got lost in the ship's maze and saved a stricken Chinese ship in the Atlantic ocean.
We moved to  suburban Paris, Orsay.


Per circa un anno siamo vissuti in una villa con un enorme giardino, pieno di piante, fiori, siepi e la ferrovia. Di lì passava il treno, proprio oltre lo steccato. Adoravo dondolare sull'altalena aspettando che passasse il treno, così vicino e veloce.
Il pain au chocolate rimane ancora la mia "madelaine" preferita: entrare nella boulangerie e assaporare i profumi dei dolci e del pane appena fatto, guardare tutte le paste e brioche oltre la vetrina e mangiare il pain caldo appena sfornato fanno parte di un bagaglio di ricordi che rimarrà sempre dentro di me.
Mi piaceva andare ai mercatini rionali, entrare nelle charcuterie e sentire tutti i profumi dei salumi e formaggi.
Sarà per questo che mi piace tanto cucinare e sperimentare?


We lived in a villa with an enormous garden, full of trees, flowers, hedges and the railroad track. The train passed right over the fence.
I used to love to sit on the swing waiting for the train, so near and fast.
The pain au chocolate still remains my favorite "madelaine" : to go in the boulangerie and savour the sweet scent of the pastries and just baked bread, look at all the sweets and brioches just right behind the glass and eat the warm pain just out of the over, are part of my memories that I will keep forever.
I loved to go to the local makets, go into the charcuterie and smell the aroma of the salamis and the cheeses.
Maybe this is the reason why I love to experiment and cook?





Verdure saltate
Stir-fry vegetables

Ingredienti per 4 persone
4 carote grandi tagliate a julienne
4 zucchini romani tagliati a julienne
2 porri affettati a rondelle
olio di oliva q.b.
Per la salsa
1 cucchiaio olio di oliva
2 cucchiai salsa di soia
1 cucchiaio miele di castagno
1 spicchio aglio pelato e tritato
2 cucchiaio semi di sesamo

Riso lessato (1 pugno per persona e 1 per la pentola)

Ingredients for 4 persons
4 carrots, cut julienne style
4 zucchini, cut julienne style
2 leeks cut in rounds
olive oil
Sauce
1 tablespoon olive oil
2 tablespoons soy sauce

1 tablespoons honey
1 clove garlic, peeled and finely chopped
2 tablespoons sesame seeds, optional

Cooked rice (1 handful per person and 1 for the pot)






Saltare le verdure nel wok con un pò di olio, fino a quando sono cotti ma leggermente croccanti.
A parte, mescolare gli ingredienti per la salsa.
Aggiungere la salsa alle verdure e saltare per 1 minuto.
Servire le verdure sopra il riso bello caldo


Sautee the vegetables in a wok with a little oil, until done (should be slightly crunchy).
Stir aside together all ingredients for the sauce.
Add sauce to the vegetables and stir fry for 1 minute.
Serve with piping hot rice

Volendo si può servire come contorno, senza riso
You can also serve it as a side dish, without rice.

Con questsa ricetta partecipo al contest di La Ginestra e il Mare

giovedì 8 novembre 2012

Zucca e funghi "gratinati" - Squash and mushrooms "au gratin"

 Amo la zucca. Quindi in questo periodo la mangio dappertutto, tranne che inzuppato nel cappuccino!
La trovo estremamente versatile, sia dolce che salata. Mi rendo conto che a non tutti piace, ma inserendo anche altri ingredienti, si ha un ottimo connubio

I love squash. I am eating it in every dish, exept in my cappuccino.
I find it extremely versatile, both sweet and savoury. I understand that not all like it, but adding other ingredients, we can have a good combination


Zucca e funghi champignon "gratinati"
300 gr zucca a cubetti
2 cipollotti tagliati a rondelle
100 gr funghi champignon tagliati a fettine
olio extra vergine di oliva
2 cucchiai pangrattato
1 cucchiaio parmigiano reggiano

Squash and mushroom "au gratin"
300 gr cubed squash
2 spring onions sliced
100 gr mushrooms champignon sliced
extra virgin olive oil
2 tablespoons bread crumbs
1 tablespoon grated parmigiano reggiano


In una padella saltare la zucca nell'olio fino a quando perde la sua durezza. A quel punto aggiungere cipollotti e funghi

Saltare in padella fino a fine cottura
Aggiungere pangrattato e parmigiano e "gratinare" per un paio di minuti


Sautee the squash in the oil until slighly soft. Add the onions and mushrooms. Sautee in the pan until cooked.
Add bread crumbs and parmigiano reggiano and sautee for a few minutes









In una padella saltare la zucca nell'olio fino a quando perde la sua durezza. A quel punto aggiungere cipollotti e funghi
Saltare in padella fino a fine cottura
Aggiungere pangrattato e parmigiano e "gratinare" per un paio di minuti



Sautee the squash in the oil until slighly soft. Add the onions and mushrooms. Sautee in the pan until cooked.
Add bread crumbs and parmigiano reggiano and sautee for a few minutes



Buon Autunno
Enjoy this wonderful Autumn

Con questa ricetta partecipo al contest di Essenza in Cucina

mercoledì 31 ottobre 2012

Happy Halloween

In linea con un commento che ho scritto, mi ritorna in mente quando festeggiavo Halloween e andavo in giro a chiedere dolcetto o scherzetto bussando alle porte delle case del mio quartiere.
Mi ricordo che ero vestita da angelo con tanto di aureola e alette.
Mi ricordo tutti i dolci fatti in casa che erano dentro la mia borsa. Ora non si può più dare via dolci fatti in casa, solo quelli comprati e rigorosamente sigillati!
Mi ricordo le decorazioni di tutti i tipi: zucche di tutte le forme e colori, intagliate e non. Streghe attaccate ad alberi, sagome di gatti neri, corvi, pipistrelli e topi.
E tutte quelle ragnatele che avvolgevano le case.
E le luci che illuminavano le zucche nel buio della notte.
E poi vedere i costumi degli altri bambini e guardare cosa c'era nelle loro borse.
Tutto questo succedeva in USA tanti anni fa. Ormai un lontanissimo ricordo.
Happy Halloween


I wrote a comment on a post and this took me back when I celebrated Halloween and went trick-or-treating around my neighborhood, knocking at each door.
I remember that I was dressed as an angel with wings and aureola.
I remember home made sweets that were in my bag. Now you can only give away sealed store bought candy.
I remembers all the decorations: pumpkins of all colors and shapes, carved and not. Witches hanging from trees, black cat, raven, bat and mouse silhouettes.
And all those cobwebs all over the houses.
And the lights inside the pumpkins in the dark night
And then looking at the other kids' costumes and inside their trick-or-treat bags.
All this happend in the US a long time ago. Only memories
Happy Halloween

giovedì 25 ottobre 2012

Silenzio e zuppa di miglio e zucca - Silence and squash and millet soup

Finalmente si sentono le onde infrangersi sulla battigia
At last you can hear the waves hitting the sand

Si sentono i passi nella sabbia
You can hear your footsteps in the sand

Non più il brusio di voci simile ad un vespaio
You cannot hear the many voices similar to a hive,  any more

Sono felice dell'arrivo dell'autunno per questo e molte altre cose, ma sento una leggera (leggerissima!!!) nostalgia per le lunghe e lente giornate d'estate. Starò invecchiando, ecco perchè....
I am happy because Autumn is here for this and many other reasons, but I do slightly miss the long and slow summer days. I may be getting older, that's why.....


Per l'occasione, ho preparato una zuppa autunnale molto semplice.
For this reason, I prepared a very easy autumnal soup

Zuppa di miglio con zucca

Ingredienti
1 cipolla dorata media a fette
300 gr zucca a pezzetti
1 patata grande a pezzetti
acqua q.b.
1 piccolo pugno di miglio per persona (4)
sale q.b.

In una pentola portare ad ebollizione cipolla, patata, zucca e acqua.
Fare sobbollire lentamente fino a quando le verdure sono quasi tenere.
Aggiungere il miglio e lasciare cuocere fino a fine cottura
Aggiustare di sale

Per una versione più saporita (meno light!), soffriggere le verdure e poi aggiungere acqua. Poi procedere come sopra



Ingredients
Squash and millet soup
1 medium coarsley chopped onion
300 gr squash diced
1 big potato diced
water
1 small handful millet per person (4)
salt to taste

In a pan add squash, onion, potato and water, and simmer until almost done.

Add millet and cook until done. Add salt.

For a more tastier version (not as light!) , stir fry the vegetables and then add water. Then proceed as above





Add caption


Con questa ricetta partecipo al contest di Staffetta in cucina






mercoledì 10 ottobre 2012

Starhorn's passage


 Dreaming on the music of Starhorn's passage we are passing from the long and hot summer days
 
Sognando con Starhorn's passage, stiamo passando dalle lunghe e calde giornate estive
 
 
 
 
 
 To the wonderful fairytale that is called Autumn
Fino ad arrivare a quella splendida favola chiamata Autunno
 
 
Happy Autumn
Buon Autunno

mercoledì 3 ottobre 2012

Lodi e Biscottini - Lodi and cookies

 E finalmente è arrivato, piano piano con qualche colpo di coda estivo, ma non troppo. L'autunno.
La mia cucina sè tornata ad essere un luogo confortevole e non più un forno acceso!
Dopo una bellissima giornata di sole trascorsa a Lodi, ho deciso che era ora di  provare questi biscottini.
Ho trovato Lodi una città molto carina e tranquilla. C'era una bella festa  Le forme del gusto e mi sono attardata ad assaggiare le bontà dei produttori locali: formaggi, vini, salami, pani, gelati e altro ancora.

At last it came, slowly with still the summer warmth, but not too much. Autumn.
My kitchen is now a nice cosy place and not a steaming hot oven anymore!
After a beautiful day spend in the city of Lodi, I decided to try these cookies.
I found Lodi a nice a quiet city. There was a festival Le forme del gusto and I took my time to taste all the goodies from the local farmers: cheeses, wines, salamis, breades, ice creams and more.




E poi ho degustato ottimi vini nel chiostro nell' ex Convento di San Cristoforo
I went to a wine tasting event held in the cloister of the former San Cristoforo's convent


E casualmente nella chiesa sconsacrata  di San Cristoforo proprio accanto, sono incappata in una convention dedicata ai giochi in miniatura e da tavolo

Next to the convent there is the former church of San Cristoforo, turned into a recreational area, and on sunday a game tournament had been organized




E' stata una meravigliosa e solare giornata d'autunno ....anche se oltre il Pò diluviava....

It was a marvelous sunny autumn day.....even though below the Pò river it was pouring cats and dogs!



Tornando a casa, il sole non c'era più e invece di tuffarmi sotto la copertina con un buon libro, ho deciso di fare questi biscottini

Coming backk home, the sun was hiding behind the clouds, but instead of reading a good book under a warm blanket, I decided to bake these cookies



Jam-almond jammies - Biscottini con marmellata, caramello e cioccolato al profumo di mandorle



2 1/2 tazze farina
1/2 cucchiaino sale
1 tazza burro temperatura ambiente
1/2 zucchero
1 uovo grande
1 cucchiaino estratto di mandorle
Marmellata (io ho usato mirtilli), cioccolato e carmella al mou a pezzettini
Pre-riscaldare il forno a 180° e foderare una teglia grande con la carta da forno
In una terrina mecolare farina e sale
Sbattere il burro e lo zucchero in una terrina fino a quando diventa spumoso.
Aggiungere l'uovo e l'estratto di mandorla. Mescolare bene.
Aggiungere  la farina e mecolare fino a quando il composto è ben sodo.
Dividere l'impasto e formare dei bastoncini e adagiarli sulla teglia. Con l'aiuto di un mestolo di legno, tracciare un solco nel bastoncino e rimpirlo con marmellata, oppure pezzettini di cioccolato o caramella.
Infornare per 12-15 minuti. Quando pronti, lasciare che i bastoncini si raffreddino circa 10 minuti prima di tagliarli a losanghe di circa 3 centimetri


2 1/2 cups flour
1/2 tsp salt
1 cup butter room temperature
1/2 sugar
1 large egg
1 tsp almond extract
Jam (I used blueberry), chocolate and caramel bits

Heat oven to 180° C or 350° F
Line one baking sheet with parchment paper.
In a bowl whisk together the flour and salt
In another big bowl beat butter and sugar until fluffy, then add the egg and almond extract. Beat to combine.
Add the flour mixture.
Divide the dough and roll into logs.
Using the handle of a wooden spoon, make an indent in each log and fill with the jam or chocolate or caramel bits
Bake for about 12/15 minutes.
When ready, let the logs cool for about 10 minutes before cutting them diagonally into 1 inch thick cookies








Con questa ricetta partecipo al contest di Vaniglia Zenzero e Cannella categoria dolci ricette-ricordo